Il sindaco di Pisa esulta: “Nessuna sede della Normale a Napoli”

La Scuola Normale di Pisa non avrà una sede secondaria a Napoli. Ad annunciare il dietrofront è stato il sindaco di Pisa, Michele Conti, attraverso un post social diffuso dopo l’incontro di questa mattina  al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. “La Scuola Normale è salvaha detto Conti – Rimane la Scuola Superiore Normale, al sud non verrà istituita nessuna sede secondaria, l’università rimane unica e nella nostra città. Una battaglia vera per Pisa, la dimostrazione che quando le amministrazioni locali insieme ai deputati eletti lavorano per il territorio i risultati arrivano“.

L’idea era quella di esportare il modello della Normale di Pisa a Napoli, in particolare alla Federico II. L’idea era condivisa da molti rettori (anche quello dell’ateneo toscano), con addirittura un nome già fissato “Scuola Normale Superiore Meridionale“. Il progetto sembrava ormai ad un passo dalla realizzazione quando la Commissione Bilancio della Camera approvò una modifica alla Finanziaria, con diversi milioni di euro stanziati fino al 2021.

Il piano di rilancio, però, non ha trovato d’accordo diversi docenti e studenti della Normale che hanno chiesto (e a questo punto, ottenuto) un rallentamento da parte del direttore, Vincenzo Barone, in attesa che le parti politiche (in particolare il Senato) decidano sul maxi finanziamento triennale. Ovviamente il rallentamento ha trovato il pronto appoggio della Lega, nella persona del deputato Edoardo Ziello.

Potrebbe anche interessarti