De Magistris critica Saviano: “Incapace di raccontare la città. Non la conosce”

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris si dice soddisfatto per il riconoscimento ricevuto a Berlino dal film “La paranza dei bambini, ma non risparmia critiche al suo ispiratore Roberto Saviano. Tutto parte da una dichiarazione di Saviano che durante la presentazione del film di Giovannesi, qualche giorno fa, ha detto: “Le istituzioni non amano la denuncia a Napoli“, ricordando tra gli altri i precedenti vissuti da Francesco Rosi (morto nel 2015) per il film “Le mani sulla città”.

Il sindaco si è detto “un grande estimatore di Rosi“, ma poco ha digerito il paragone avanzato da Saviano. “Sono molto meno entusiasta – ha detto de Magistris – della incapacità di Saviano di raccontare la città di Napoli nel suo corpo, nella sua anima, nel suo cuore, nel suo pensiero. Quindi evidentemente continua a non saper analizzare Napoli, a conoscerla bene. Una cosa sono i film, una cosa è Saviano, una cosa sono quelli che contrastano ogni giorno le stese“.

Per il primo cittadino partenopeo Saviano non si è “reso conto di cosa è accaduto in questi anni a Napoli, come la rinascita culturale di cui sono tanto protagonisti i bambini. Vorrei accanto alla Paranza dei bambini che si parlasse anche di chi ama veramente Napoli di chi lotta veramente per una Napoli diversa, di chi si sporca le mani per una Napoli diversa da chi ci sta ogni giorno a buttarci il sangue“.

De Magistris chiarisce di non voler attaccare Saviano, di rispettarlo, ricordando di averlo difeso quando il ministro dell’Interno voleva togliergli la scorta. Ma allo stesso tempo definisce i film, come quello de “La paranza dei bambini”, pericolosi, perché a Napoli c’è “anche l’effetto emulativo“.

Noi siamo sempre sul pezzo – rincara la dose il sindaco – quello che non sa Saviano e che non sa Bussetti, per ignoranza“. Questi film, come Gomorra, portano ad “una grande mistificazione di disonesta intellettuale. Una cosa è l’opera cinematografica, altra è mangiarci sopra, ma non lo dico in senso economico per non essere fraintesi“.

Questa città  – conclude de Magistris – ha bisogno di narrazioni corrette e (Saviano) non venga a dire adesso che lui racconta quello, altrimenti nessuno le racconta. Noi andiamo a incontrare i feriti negli ospedali, incontriamo le persone che sono danneggiate, andiamo incontro alle persone che stanno in difficoltà, andiamo negli esercizi commerciali danneggiarli, non nascondiamo mai la Camorra: ci mettiamo ogni giorno a cacciare la muffa dalla politica“.

Di seguito il video con le parole del sindaco:

Potrebbe anche interessarti