L’appello dei vip napoletani per Ginevra, la piccola è affetta da un tumore al cervello

L’intera città di Napoli si stringe intorno alla piccola Ginevra, la bimba di Melito affetta da astrocitoma pilocitico prechiasmatico al cervello. Entrò il 24 ottobre la famiglia dovrà versare 65 mila euro per l’operazione ed ha chiesto il contributo dei concittadini. Molti cantanti come, tra cui Maria Nazionale, si sono uniti alla causa.

La storia della piccola Ginevra di 7 anni è  una storia molto complicata e difficile. Lo scorso anno a seguito della rimozione del tumore sembrava aver vinto la sua battaglia. Ma lo scorso maggio è tornato più forte che mai. Inoltre la sua malattia prevede degli ingenti costi di cura ed operazioni che la famiglia non può permettersi. Da qui nasce l’idea di contribuire per un fondo comune, per dare a questa piccola bimba la possibilità di avere le migliori cure.

L’operazione sarà effettuata ad Hannover in Germania presso un centro specializzato il prossimo 29 ottobre. L’importo richiesto però dovrà essere versato 5 giorni prima di questa data. Al momento la famiglia ha racimolato un patrimonio di 18 mila euro. Non sono pochi ma purtroppo non bastano. Per questo motivo il loro appello persiste giorno dopo giorno cercando di coinvolgere più persone possibile.

Grazie a questo persistere della famiglia, molti cantanti hanno aderito alla campagna sostenendo sia l’importo economico, sia pubblicizzando la campagna sui loro canali social. La loro visibilità sarà importante per portare nuovi fondi alle casse. Tra questi Enzo Dong, Geolier, Nicola SicilianoLele BladeSamurai Jay, Dat Boi Dee, Renato Biancardi e Lilem. Tantissimi anche i neomelodici: RaffaelloNancy Coppola, Luciano CaldoreAnthonyTony Colombo, Gianni Fiorellino, Maria Nazionale e Giusy Attanasio che hanno intenzione di organizzare anche serate per beneficenza.

La piccola Ginevra spera, è in attesa del grande cuore dei napoletani che già in altre occasioni si è fatto valere. Bisogna crederci e bisogna lottare fino alla fine.

Per contribuire alla causa basta andare sulla pagina facebook.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più