Federica, da Salerno a Londra: “Sono occhi e orecchie della Royal Family”

Laurea specialistica in lingue straniere all’Orientale di Napoli, determinazione infinita e tanta passione per il giornalismo di moda: Federica Caiazzo, 26 anni, è una delle salernitane che ce l’ha fatta a realizzare il suo sogno ed è oggi diventata reporter italiana a Londra per la prestigiosa testata nazionale (e internazionale!) ELLE Italia. “Scrivo di moda, bellezza e viaggi per elle.it ma soprattutto sono gli occhi e le orecchie della Royal family con un mio appuntamento online ogni settimana”, spiega Federica.

Partita per Londra un anno e mezzo fa, si è specializzata in Fashion Media al Condé Nast College di Londra, la scuola internazionale di VOGUE cui era stata ammessa nel marzo 2016. Un sogno – quello di diventare giornalista di moda – realizzato con tanto sacrificio, tanto studio ma anche tanta tenacia. “Non ho mai mollato, ho sempre creduto ci fosse ancora altro da fare e imparare per raggiungere i miei obiettivi”, confessa la giovane salernitana.

Dopo il conseguimento del VOGUE Fashion Certificate, Federica Caiazzo si è lanciata nel mondo del lavoro con stage in uffici stampa e redazioni giornalistiche. Il più grande successo è arrivato a Gennaio 2017 quando è stata presa per uno stage a British VOGUE: “Il giorno del colloquio tremavo. Quando ho ricevuto l’email che mi diceva di essere stata presa non riuscivo a crederci. Lo stage a Vogue è stata un’esperienza incredibile e dura. Una volta terminata ho pensato: “Se sono riuscita a far questo potrò fare qualsiasi cosa”. Ma la gavetta è stata ugualmente dura, dopo Vogue ci sono stati altri stage: Harper’s Bazaar, Grazia, Brides, House & Garden.

LEGGI ANCHE  Viaggio in Campania tra cultura e gastronomia: cosa non devi perderti

Federica, nei suoi progetti futuri, ha ancora tanto da voler fare oltre a continuare a scrivere per ELLE e curare il suo blog, Fashion Collision. “Spero che il 2018 possa essere un anno di ulteriore svolta. Voglio tornare in Italia e realizzare un progetto tutto mio, sfidando la situazione di disoccupazione in Italia! Trovo ingiusto che il mio talento debba omaggiare una nazione che non è la mia. Voglio tornare e far vedere di cosa sono capaci gli italiani, anzi, i salernitani!”. Buon sangue (quello campano) non mente e non possiamo che augurare il meglio a questa giovane intraprendente salernitana.

Potrebbe anche interessarti