Napoli città dell’accoglienza, Manfredi: “Pronti i primi posti letto per donne e bambini ucraini”

comunità ucraina napoli
Foto: Consolato ucraino a Napoli, pagina Facebook

Riunione importante questa mattina in Prefettura a Napoli per discutere degli aiuti al popolo ucraino da parte della città partenopea. All’incontro ha partecipato il sindaco Gaetano Manfredi che nei giorni scorsi già aveva anticipato alcuni provvedimenti che sarebbero stati presi. Si punta al ricongiungimento famigliare per aiutare donne e bambini che vogliono scappare dall’Ucraina e che saranno accolti nel nostro Paese come profughi.

MANFREDI: “POSTI LETTO PER DONNE E BAMBINI UCRAINI”

Queste le parole del primo cittadino Manfredi che spiega come ci si sta preparando con la creazione di posti letto per i profughi ucraini che arriveranno a Napoli:

Come Comune di Napoli, perché prevediamo che rappresenti il luogo dove arriverà la maggior parte degli ucraini che vorranno arrivare in Campania, lavoreremo a valle dell’arrivo delle persone. Dopo la presenza nell’hub dell’Ospedale del Mare, il Comune provvederà a coordinare la collocazione definitiva delle persone. Abbiamo aperto la struttura di Marechiaro che garantirà una sessantina di posti subito disponibili, insieme alla Caritas e alle organizzazioni laiche e religiose presenti in città stiamo organizzando la sistemazione in posti letto per donne e bambini. È un lavoro che faremo di concerto con tutti i Comuni della città metropolitana affinché ci sia una rete di accoglienza molto solida e robusta.

Se immaginiamo che la comunità ucraina è nei nostri territori è costituta da decine di migliaia di persone, ci aspettiamo che l’afflusso di profughi nei nostri territori possa essere molto ampio. Vogliamo garantire il massimo sostegno umanitario alla popolazione ucraina che sta soffrendo questa situazione drammatica di guerra, vogliamo garantire un’assistenza tipica della nostra città e dei nostri territori“.

PARTITO IL PRIMO TIR

Intanto nella notte è partito il primo convoglio carico ci coperte, medicinali e alimenti destinato al popolo ucraino. Tante le donazioni dei cittadini che sono arrivate alla Croce Rossa che ha ringraziato con un post sul suo profilo social.

Potrebbe anche interessarti