Follia a Napoli, branco aggredisce 3 ragazzini: altri salgono sulle impalcature

Movida violenta a Napoli, in zona Orientale il branco ha aggredito dei ragazzini con tirapugni e coltelli senza motivo. Erano in venti contro tre. E le impalcature diventano luogo per follie da postare sui social. Borrelli: “Escalation violenza e incoscienza fra i giovani, serve più monitoraggio delle forze dell’ordine nei luoghi della movida”.

Movida violenta a Napoli, aggrediti 3 ragazzini

Ennesimo episodio di movida violenta a Napoli. In zona Orientale, un branco di teppisti, senza alcun motivo, ha aggredito tre ragazzi minorenni. A segnalarlo è la mamma di una delle vittime al consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli.

Mio figlio Alessio ha 15 anni – racconta la donna – è al secondo anno di liceo scientifico e insieme a tre suoi amici ieri sera avevano deciso di andare a passeggiare per via Toledo soffermandosi nella zona dell’ Università Orientale dove c’è un baretto con la musica ad alto volume che fa ballare i ragazzi per strada. Essendo un ambiente non noto erano ad una 40 metri di distanza poggiati su un muretto a parlottare. Improvvisamente un ragazzo con aria di sfida si avvicina a loro chiedendo perché lo guardavano e da lì…un putiferio”.

“Un gruppo di una ventina di ragazzi – continua – armati di tirapugni e coltellini li hanno aggrediti. Mio figlio è riuscito a scappare ed ha una contusione al naso che si è gonfiato e alle labbra che all’interno sono lacerate. Ma gli amici sfortunatamente sono caduti per terra e hanno avuto la peggio. Uno di loro è finito al pronto soccorso all’ospedale San Paolo ed ha avuto 17 punti di sutura al volto e i medici hanno detto che è salvo per miracolo perché il tirapugni lo ha preso nella tempia, ma fortunatamente non sulla vena“.

“È stata esposta denuncia al drappello ospedaliero della Polizia che fa capo al commissariato di Bagnoli nella speranza che ci siano telecamere che possano fare risalire agli accadimenti. Purtroppo non c’era polizia e non è mai arrivato nessuno. Per le strade non c’è nessun tipo di controllo eppure li, proprio a Via Toledo, di sabato sera ci sono centinaia di ragazzi .Volevo denunciare anche a lei questo accadimento affinché non ci sia più nessun bravo ragazzo a subire questa violenza gratuita e senza scrupoli da queste gang di ragazzi che escono da casa con l’intento di fare male a bravi ragazzi come mio figlio e i suoi amici”, conclude la donna.

Altri sono saliti sulle impalcature dei lavori in corso

Purtroppo ogni weekend siamo costretti a fare il bollettino di guerra. Episodi del genere sono ormai all’ordine del giorno, con i luoghi della movida in balia di violenza e follia. Questi ragazzi scendono di casa con il solo obiettivo di far danni, e attaccare briga. Serve un freno, serve un presidio costante delle forze dell’ordine nei luoghi della movida, o il problema non sarà mai risolto. Addirittura ci hanno segnalato, con un filmato, che i ragazzini si divertono ad arrampicarsi sulle impalcature dei lavori in corso negli edifici per postare poi contenuti sui social. Pura follia, azioni scellerate che mettono a rischio la loro stessa sicurezza. Ci auguriamo che, dopo la denuncia di questa mamma, le forze dell’ordine acciuffino i responsabili e li puniscano a dovere. Basta tolleranza, serve il pugno duro. Abbiamo noi stesso chiesto un intervento tempestivo per assicurare alla giustizia il branco prima che faccia altri danni”, ha detto il consigliere Borrelli.

Potrebbe anche interessarti