Colpo alla camorra, abbattuto altarino del clan Contini a Napoli

Stamattina è stato abbattuto l’altarino del clan Contini a Napoli. In via Onorato Fava, a due passi dalla parrocchia di San Giovanni Bosco, c’era l’altarino dedicato a Carmela Aieta, parente dei boss dell’Alleanza di Secondigliano.

Clan Contini, abbattuto altarino della camorra

Come riporta ilmattino.it, è il primo altarino di undici edicole votive ubicate nei quartieri cittadini del Vasto-Arenaccia e di San Carlo Arena ad essere smantellato. Essi sono riconducibili a persone già condannate per delitti di camorra.

Nei prossimi giorni saranno abbattuti anche gli altri dieci altarini del clan Contini, tra questi anche uno che si trova sull’acquedotto romano dei Ponti Rossi. Gli operai hanno proceduto agli abbattimenti sotto la stretta sorveglianza dei carabinieri del comando provinciale di Napoli e della polizia municipale.

La risposta contro i simboli dei clan deve essere ferma e costante. Da quando abbiamo iniziato questa battaglia ne sono andati giù molti ma i camorristi continuano a realizzarne. Per non parlare di murales e scritte con lo spray che infestano soprattutto il centro storico con nomi di vari delinquenti morti durante le rapine. Ci sono centinaia di altarini e dediche per camorristi e criminali da eliminare. Purtroppo gli omaggi alle vittime e coloro che hanno perso la vita per combattere la camorra sono pochissimi” dichiara il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli da sempre in prima linea su queste battaglie.

Potrebbe anche interessarti