Pronto Soccorso del Cardarelli preso d’assalto: medici si dimettono per protesta

cardarelli medici dimettono

NAPOLI– In questi giorni il Pronto Soccorso del Cardarelli sta registrando un iperafflusso di pazienti (non dovuto al covid) che sta mettendo in difficoltà il personale dell’ospedale partenopeo che si trova anche in carenza di organico. Per questo i medici hanno annunciato di aver rassegnato le proprie dimissioni. Un gesto di protesta per spingere il direttore generale Giuseppe Longo ad agire.

AFFLUSSO AL PRONTO SOCCORSO DEL CARDARELLI, MEDICI SI DIMETTONO

Il Cardarelli in una nota fa sapere di aver attivato ogni possibile provvedimento atto a decongestionare il DEA e ripristinare in tempi brevi la normale attività.

In questo difficile momento i medici del reparto hanno inviato alla direzione una lettera nella quale preannunciano le dimissioni, è in realtà un vero e proprio grido di allarme, corretto dal mio punto di vista – spiega il direttore generale Giuseppe Longo. Il grido di allarme dei medici è legato alla grossa tensione e al disagio che i lavoratori in questo momento riscontrano nel pronto soccorso. L’azienda ha cercato sempre in tutti i modi di trovare soluzioni per ridurre, per quanto possibile, il congestionamento dei pazienti nel pronto soccorso, ma anche per rinforzare quanto più possibile il personale. Fino a oggi il Cardareli ha infatti realizzato dieci bandi tra avvisi e concorsi finalizzati a reclutare personale, ma molti vanno deserti qui come aviene in tutta Italia. I pronto soccorsi sono infatti reparti da cui gli operatori fuggono come sottolinea anche l’allarme nazionale lanciato dalla Società Italiana di Medicina d’Urgenza. Per il Cardarelli lunedì prossimo termina la selezione per la partecipazione all’ultimo bando di questa direzione e speriamo che questo bando possa portare più risorse umane. Intanto cercheremo di dare maggiore aiuto, fermo restando che l’azienda usa già tutto il personale anche di altre unità come rinforzo delle unità mediche proprie del pronto soccorso“.

LE MISURE MESSE IN CAMPO DAL CARDARELLI

Obiettivo della Direzione Strategica resta sempre quello di consentire all’area di emergenza-urgenza del Cardarelli di proseguire in un’attività fondamentale per i bisogni di salute dei cittadini, anche in condizioni di pressione straordinaria.

“Ci siamo attivati sia nei riguardi della nostra organizzazione interna, con l’obiettivo di rendere possibile il maggior numero di trasferimenti dal Pronto Soccorso ai vari reparti sia di concerto con la rete dell’emergenza territoriale 118 per favorire il trasferimento di pazienti verso altre strutture del territorio. Siamo consapevoli dell’enorme lavoro che grava su tutto il personale, al quale va il nostro ringraziamento, e non smetteremo mai di impegnarci per fare in modo che questa Azienda Ospedaliera sia sempre più attrezzata per fare fronte anche a situazioni di straordinario afflusso“.

Potrebbe anche interessarti