Spedizione punitiva in ospedale, pretende di entrare prima e chiama i parenti: colpite 5 guardie giurate

Spedizione punitiva in ospedale
Spedizione punitiva in ospedale

Spedizione punitiva in ospedale a Napoli. A raccontare l’episodio è la pagina facebook dell'”Associazione Nessuno Tocchi Ippocrate“.

Spedizione punitiva in ospedale a Napoli

Quello che è successo poche ore orsono al CTO di Napoli è davvero terrificante, una vera e proprio “spedizione punitiva” da parte di un manipolo di delinquenti che messo KO ben 5 guardie giurate“, scrivono.

Dalle prime ricostruzioni sembra che un paziente, il quale aveva già rifiutato il ricovero la notte scorsa, si sia presentato nuovamente stamane al pronto soccorso collinare pretendendo di entrare con priorità su tutti i presenti. – continuano – Al diniego del personale sanitario l’energumeno ha chiamato rinforzi e pare sia giunta una macchina “ripiena”di parenti che hanno malmenato tutte le guardie giurate presenti seminando il caos anche tra i poveri pazienti che attendevano la visita. Sono intervenute le forze dell’ordine che hanno identificato gli aggressori!“.

La denuncia di Giuseppe Alviti

Sull’argomento è intervenuto il noto attivista sindacale Giuseppe Alviti, leader dell’Associazione nazionale guardie particolari giurate, già medaglia d’argento al valor civile. Ha esternato vicinanza alle guardie aggredite ed ha tuonato duramente contro le istituzioni, non solo locali ma nazionali che “da sempre sono macellaie della dignità lavorativa delle guardie giurate“.

E’ l’ora delle proteste oceaniche di piazza per le giuste tutele alle guardie. – dice – Non POSSIAMO,NON VOGLIAMO E NON DOBBIAMO PIU’ TOLLERARE tali gravi violenze. Siamo pronte a scendere in piazza come Angpg e Fnl per richiedere le giuste tutele giuridiche ed economiche, ricordando che siamo professionisti della sicurezza senza essere schiavi delle istituzioni e dei capitolati di appalto. Andremo fino in fondo, non ci siamo fermati ieri, non ci fermeremo domani“, ha concluso Alviti.


Potrebbe anche interessarti