Mercatorre, la fiera del vintage in versione natalizia: stand, street food e spettacoli

torre greco mercatorre natale
A Torre del Greco torna Mercatorre con l’edizione di Natale

Il 18 dicembre a Torre del Greco torna Mercatorre, la fiera dedicata all’artigianato, al modernariato e al collezionismo che in vista del Natale, con la versione Christmas Edition, lancia un appuntamento ricco di novità, sorprese e occasioni di intrattenimento. Dalle 10:00 alle 22:00 CoBar e Stecca accoglieranno i visitatori nello spazio di archeologia industriale torrese (ex Molini Meridionali Marzoli) per dare vita ad uno degli eventi più attesi dalla cittadinanza.

Torre del Greco, torna Mercatorre con l’edizione di Natale

Un vero e proprio mercato aperto a tutti, tappa imperdibile per i cultori del vintage e dell’artigianato, che continua ad attirare giovani e famiglie del territorio e non solo. Quest’anno, lo spazio di archeologia industriale di Torre del Greco sarà invaso dalla magia dell’atmosfera natalizia ed ospiterà circa 30 espositori e animatori.

Collezionisti, hobbisti e artigiani, accompagnati da iniziative musicali e street food, metteranno a disposizioni dei visitatori un’ampia offerta di oggettistica, arredamento e abbigliamento, tutto rigorosamente in stile retrò. Oltre agli immancabili collezionisti di vinili e oggettistica vintage ci saranno spazi dedicati all’abbigliamento, all’artigianato e al modernariato.

Non mancheranno momenti di intrattenimento e divertimento grazie alla presenza degli artisti di strada, giocolieri e trampolieri. Musica live e dj set animeranno l’intera giornata. Tra le novità dell’appuntamento di Natale spicca la partecipazione di noti presepisti e maestri pasticcieri, per celebrare la tradizione.

L’iniziativa culturale proposta da Stecca e CoBar punta ad attrarre turisti e curiosi animando, allo stesso tempo, uno dei luoghi simbolo della città di Torre del Greco, facendo conoscere la realtà dell’incubatore comunale e i servizi che offre alla comunità, tra i quali promuovere l’artigianato locale e sensibilizzare una cultura della sostenibilità e del riuso.


Potrebbe anche interessarti