La fonte di Santa Lucia e la sua acqua “suffregna”. Era dei napoletani

fonte santa lucia

Fresca, naturalmente frizzante e con particolari qualità benefiche: stiamo parlando dell’acqua sulfurea (“suffregna” o “Acqua della sorgenti del Monte Echia”) della fonte di Santa Lucia di via Chiatamone che per secoli è stata venduta, cercata e bevuta in tutta la città di Napoli.

venditore acqua suffregna

Come ricordato da sito Wateronline, chiunque poteva visitare la sorgente naturale grazie ad una scalinata la quale conduceva il popolo in una oscura grotta che veniva occupata da venditori e raggiunta da innumerevoli persone provenienti anche da Caserta, Capua, Torre del Greco ed altre città limitrofe alla grande Partenope, pronte a far scorta di quell’acqua così preziosa, biologicamente pura e in grado di poter curare l’anemia e le carenze di ferro.

venditore acqua suffregna

E’ proprio l’acqua sulfurea di Santa Lucia, bevanda naturale preferita dai napoletani, che con il tempo ha rappresentato la principale fonte di guadagno per gli abitanti di via Chiatamone. Le giovani venditrici ambulanti, belle e avvenenti, giravano per la città vendendo l’acqua zuffregna a chi cercava refrigerio; mentre “l’acquaiuolo” nel suo chioschetto tra grappoli di limoni, arance, blocchi di ghiaccio e vari attrezzi, metteva in bella mostra “‘e mummarelle”, anfore in terracotta che riuscivano a conservare l’acqua zuffregna sempre fresca e frizzante che poteva essere servita anche con un pizzico di bicarbonato. E’ così che per le vie di Napoli, come recita la poesia “‘E mummarelle”, si potevano udire frasi gridate al popolo per incentivare a comprare e bere l’acqua della fonte di Santa Lucia:

Signooo.. e comm’è fresca…!
Diceva a ze Francesca!”
“Uè uè… ca io songo n a luciana
e ‘a mummera, va do’mmano…”

“Uè ue.. vevite, ca’ ‘o sole coce…!
Strillanno deve ‘a voce.”
“È bella e fresca è comm’ a neve
Pe diece lire.. è chiena!”

Francesca cchiù alluccava
Pe l’acqua spulmunava.
“Uè..- uà è do’ Chiatamone
Mettitece ‘o limone!”

“Signooo… l’acqua v’a vevite
E ‘o suvero… ‘o suvero v’ ‘o stipate…!”
“Acqua suffregna, ovèro fresca e bella
Sempre affullata steve… ‘a bancarella!

Purtroppo in seguito ad alcuni episodi legati al colera dei primi anni ’70 la fonte di Santa Lucia venne chiusa al popolo e con lei scomparvero la maggior parte degli acquaioli della zona.

Solo nel 2000 sono state inaugurate alcune fontanine di acqua suffregna nei giardini di Palazzo Reale di Napoli che sono state chiuse e mai più riaperte.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più