Le più belle poesie in napoletano dedicate ai nonni

nonni

I nonni, che bene prezioso e straordinario! Eppure non sempre siamo consapevoli del grande tesoro di cui siamo in possesso, spesso sottovalutati e un po’ dimenticati, i nonni rappresentano in realtà protezione e appartenenza. Grazie a loro possiamo sentirci al mondo, parte di qualcosa, figli di qualcuno e proprio nel giorno della festa dei nonni abbiamo selezionato le poesie in napoletano più belle dedicate proprio a loro…

‘E NONNI

‘E NONNI teneno cuscienza ed esperienza,
e ogne nepote l’essa dà aurienza.

‘E NONNI arapeno ‘a casciaforta d’ ‘a saggezza,
e te ‘mparano comme se iesce a dint’ ‘a rezza.

‘E NONNI so state pure figlie,
e nun ce stanne sorde pe’ ne pavà ‘e cunsiglie.

‘E NONNI spisse tornene “criature”…
ma s’ ‘e songhe ammeretate ammore e cure.

‘E NONNI quassiasi cosa fanno…
è bello sapere “ca ce stanno”.

Sì…mazze e panelle fanno ‘e figlie belle!
Ma…nonni e penzione fanne ‘e nepute bbone!!!
….o NO?

(Cri e Cricchetto)

 

  • Poesia dedicata alla nonna

A MIA NONNA

Nu te preoccupa’
a’ noo’
mo’ so trasute ie,
spada aizate
e dient allupate,
veche e accir ‘e mariule.

Ta’ rricurde che bell
quanne cu’ tiche
traseveme inda’ casa
e tu’ mi diciv
“Maro’ che tesor ca’ si”.

Vurria turna’ criature
quanne goppa a’ panza
me tenive
e te faceve rirere
pe’ zumpa
e famme strignere
chiu fort a te.

Mo’ te ne si jute
ma sempe arricorde
chill ucchi
lucente
ca’ me facevene crerere
n’ omme cresciute.

Donato Delfino

 

  • Poesia dedicata al nonno

O NONNO

Io sò nu giovane nonno penzionato,
‘a casa mia tengo ‘e napute cu mme,
pe’ ‘sti ccriature nun stò maje ‘nquartato
stò sempe allero e vulite sapè pecchè?

Cu ‘e nepute ‘e masculille
quanti llotte me metto a ffà,
e tra cazzotte e ttirate ‘e capille…
aggio sempe ‘a peggio c’aggia fa!

Si me chiammano ‘e ffemmenelle
cu lloro m’ aggia mettere a pazzià…
a mamma e figlio…’e a cucenella…
e pure ‘a capa a Barbie aggia fà.

Pe’ ‘sti ccriature, cu ‘e figlie mieje
me stongo sempe a m’appiccecà…
quanno stanno cu me… nun sia maje
nun me ll’ hanna *sbrunzulià. *usare le maniere forti

Ogne ghiuorno è na guerra ‘a casa,
pe’ lloro nun arraggiono cchiù.
‘E mmamme diceno: basta papà!
E ghiammo ferniscela pure tu!

Che vulite ‘o ssaccio sbaglio tanto
ma senza ‘e nepute nun saccio stà,
quanno stò cu lloro sò, cuntento…
pecchè ‘e napute sò na vera felicità!

Però quanno vene se fà sera:
ìe nupute ‘e siente ‘e piccià…
me diceno cu na faccella nera
‘O nonno vulimmo a mammà!

È proprio overo ‘e ditte antiche
nun sbaglieno maje: Generi ‘e nepute…
chello ca ‘e ffaje è tutto perduto!

Ciro Borrelli in arte Massenzio Caravita

 

 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più