Villa Rufolo a Ravello: la splendida dimora che ispirò Wagner

Nell’incantevole centro storico di Ravello, in provincia di Salerno, si erige Villa Rufolo, un affascinante edificio risalente al XIII secolo, la cui architettura è una mix tra lo stile arabo, siculo e normanno.
Come anche il nome stesso suggerisce, la Villa in origine apparteneva ad una delle famiglie più importanti del Mezzogiorno, la Rufolo. Nel corso dei secoli la proprietà dell’edificio passo nelle mani dei Confalone, dei Muscettola e dei d’Afflitto.
L’odierna ambientazione invece è opera del filantropo scozzese Francis Neville Reid che acquistò la Villa verso la metà dell’Ottocento e ne fu proprietario fino al XX secolo.

Entrando nello specifico della struttura, vi si può accedere grazie ad un’apertura ogivale in stile gotico nella Torre d’ingresso. Decorata da listelli in tufo giallo e in tufo grigio e da statue di figure umane poste ai quattro angoli rappresentanti le quattro stagioni, la Torre ha sempre avuto una funzione prettamente ornamentale.

Torre d’ingresso – Villa Rufolo

Proseguendo attraverso il viale principale, si giunge prima al Chiostro Moresco e, successivamente, dopo aver percorso una breve ma suggestiva scalinata, alla panoramica Torre Maggiore, alta trenta metri e suddivisa in tre piani, dalla quale si potrà ammirare la Costiera Amalfitana ed il Golfo di Salerno.

Scalinata Torre Maggiore – Villa Rufolo

Tra i locali della Villa degni di menzione vi è la Sala dei Cavalieri, avente lo stesso stile architettonico della Torre Maggiore. Di fatti, in origine, la Sala e la Torre erano collegate attraverso altri ambienti che, nel tempo, sono crollati. Ai piedi delle due si sviluppa, su due livelli, il Giardino in puro stile romantico.
Grazie ai recenti scavi archeologici, è stato possibile ritrovare, lungo il lato settentrionale del giardino, i resti dell’area destinata alle cure termali che prende il nome di Balnea.

La villa è stata inoltre location prediletta da molte celebrità, primo fra tutti Richard Wagner che la visitò nel 1880 e lo ispirò nell’ideazione del “magico giardino incantato di Klingsor” presente nel II atto dell’opera Parsifal. Per celebrarlo, ogni anno il giardino inferiore di Villa Rufolo ospita i Concerti Wagneriani e il Festival di Ravello, che si svolge a cadenza annuale, dedica un’attenzione particolare alle musiche dell’artista.

Dove: Piazza Duomo 84010, Ravello (Salerno)
Quando: tutti i giorni
Orari Villa: dalle 9.00 alle 20.00 (ultimo ingresso ore 19.30)
Orario Torre – Museo: tutti i giorni dalle 11.00 alle 16.00 (ultimo ingresso 15.45)
Dalle 9.15 alle 11.00 e dalle 16.15 alle 20.00, è possibile solo su prenotazione
Costo biglietto (a partire dal 1° aprile): 7 euro intero, 5 euro ridotto, 6 euro gruppi maggiori di 15 persone

Fonte

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più