Dalla Cina l’omaggio alla bellezza di Palazzo San Carlo

A Luglio nell’affascinante location di Palazzo San Carlo, sede dell’Associazione “Amici di Palazzo San Carlo” si è tenuta la rappresentazione delle “Nozze di Figaro” di Mozart, con la direzione di Emanuela Di Pietro.

L’ evento rientrava nel seno della “Masterclass”dedicata alle “Nozze di Figaro”, frutto della collaborazione fra Maurizio’s Opera, l’Istituto Giuseppe Dell’Orefice e  il Conservatorio San Pietro a Majella.  Il concerto ha visto la  regia di Maurizio Di Mattia, regista del Teatro dell’Opera di Roma, e la produzione  dell’artista cinese  Margaret Yim.

La Yim, direttrice artistica a Hong Kong, è stata ospite per due settimane del conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, curando il lavoro di circa venti allievi provenienti dall’Oriente e di altrettanti giovani interpreti italiani. Da anni, Palazzo San Carlo con la sua associazione, si distingue come motore culturale ed eccellenza architettonica della città del Foro.

Il  Dottor Gennaro Stroppolatini, presidente dell’associazione, oltre che proprietario, che ha sede nel palazzo, ha magistralmente diretto i lavori di restauro della struttura, una volta fatiscente, coadiuvato dal restauratore dottor Elio Guerra, il risultato è stato sorprendente: il palazzo è stato trasformato in una  “Casa Museo” di livello eccelso, un vero e proprio “unicum” nella conurbazione casertana.

Palazzo San Carlo è un chiaro omaggio al Teatro San Carlo di Napoli (ripropone tanti temi architettonici del primo teatro al mondo… ), ed è la sede di tanti eventi culturali e musicali,  non ultimo quello della recente visita della “signora della danza”  Carla Fracci alla quale poi stata dedicata una sala del Palazzo. Il concerto, avvalorato anche dalla bellezza e dall’acustica ideale del palazzo, è stato molto apprezzato dai tanti ospiti intervenuti a Palazzo San Carlo.

A fine serata il dottor Gennaro Stroppolatini, instancabile mecenate, in qualità di presidente dell’associazione “Amici di Palazzo San Carlo”, di tanti qualificati eventi musicali ha conferito una targa a Elsa Evangelista, direttrice del Conservatorio di Napoli, per l’impegno profuso nella riproposizione di capolavori della Scuola Napoletana. L’esperienza sammaritana ha indubbiamente colpito anche i giovani artisti orientali giacché l’evento è stato rilanciato anche in Cina da alcune testate giornalistiche  con toni estremamente lusinghieri.

Un riconoscimento che giova in primis alla città di Santa Maria Capua Vetere, peraltro per aspetti estranei alla tematica dell’Antica Capua, e al prestigio di Palazzo San Carlo, diventato un punto di riferimento per tutti gli appassionati di cultura e musica classica, non solo di Santa Maria CV ma di tutta la conurbazione casertana e di parte del napoletano.

Potrebbe anche interessarti