“Una Tessera per Santa Matrona”. Un sogno alle pendici del Tifata

Francesco Farina è un artigiano che ha maturato un’idea che porta in serbo da circa 20 anni. Dà un po’ di tempo quell’idea è divenuta una bella iniziativa che sta coinvolgendo i suoi concittadini in una maniera trasversale: anziani, studenti, alunni, donne e bambini; tutti hanno voluto partecipare alla posa delle “tessere” che Francesco ha ideato.

Le tessere (pietre in vetro dette “smalti veneziani”) richiamano la figura di Santa Matrona, la Santa Patrona, insieme a San Prisco, della cittadina alle pendici del Tifata e vanno a comporre un mosaico che è un evidente omaggio ai mosaici del Sacello della Santa, fra i più fulgidi esempi di arte musiva paleocristiana dell’Italia meridionale. Alla base del successo dell’iniziativi quindi, c’è l’assoluta devozione dei cittadini di San Prisco, e non solo, verso Santa Matrona. Lo scorso 25 Gennaio, il giorno della festività di Santa Matrona, Francesco si è posizionato fuori la Chiesa Madre ed ha accolto l’ondata dei fedeli, dei curiosi e dei bambini che hanno posizionato una tessera nel riquadro di quello che diventerà il mosaico della Santa. L’idea è piaciuta anche ai tanti fedeli e ai devoti provenienti da ogni parte del Casertano e della regione che hanno voluto partecipare all’iniziativa.

Il Mosaico, una volta ultimato, sarà posizionato proprio nella strada dedicata alla Santa, ma per Francesco quello rappresenta solo il primo passo di una idea molto ambiziosa, quella di coprire tutto il tratto della mura di cinta ( 93,80 x 2 ML) con un maestoso mosaico con l’utilizzo di piastrelle maiolicate opportunamente tagliate ed assemblate raffiguranti le scene legate alla tradizione della Santa secondo la Leggenda tramandata dallo storico Samprischese Michele Monaco Sanctuarium Capuanum.

Una “sfida” bella e buona ma Francesco Farina è determinato e motivato in quello che sarà il percorso che si è prefisso, dopotutto ama ripetere che“Un’idea ti piomba nella mente all’improvviso. La si elabora, analizza, espone ad altre persone. Non tutti comprendono, non tutti la sostengono. Ma più ti sembra impossibile metterla in atto e più ti stimola. Più sembra pazza e più è la pazzia stessa a fartela portare avanti”.

Di seguito l’intervista a Francesco Farina:

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=TIA2h_GR1nM[/youtube]