Ricetta di Quaresima: frittata ‘e scammaro

Frittata allo scammaro

Tra i piatti tipici e poveri della tradizione culinaria campania, si annovera la frittata di scammaro, variante della famosa frittata di maccheroni, che però non prevede l’uso delle uova ed è costituita da ingredienti magri.

Quali sono le origini dell’appellativo “scammaro”? La storia è davvero curiosa: durante la Quaresima, alcuni monaci, nonostante l’osservanza religiosa di non mangiare carne, erano soliti consumarne per questioni di salute, chiusi nelle loro camere per rispetto nei confronti di coloro che rispettavano il dogma religioso. Fu coniato un nuovo termine “scammerare”, per definire questo modo di mangiar magro. Ippolito Cavalcanti, il Duca di Buonvicino, sperimentò per i monaci questo nuovo piatto, che fu molto apprezzato. Nel 1837 inserì la ricetta nel libro “Cucina Teorico Pratica”. Lo scammaro è appunto costituito da olive nere, capperi, uvetta, pinoli e alici sott’olio.

Di seguito riportiamo la ricetta:

Ingredienti

500 gr di vermicelli
300 gr di olive nere
capperi, uvetta e pinoli q.b
alici sott’olio
olio
aglio
sale, pepe, prezzemolo
Procedimento
Cuocete i vermicelli, scolateli al dente e lasciateli raffreddare, versandoci un filo d’olio, in modo tale che non si attacchino.
Nel frattempo fate rosolare l’aglio, aggiungete i pinoli, i capperi, le olive snocciolare, l’uvetta ed infine le alici. Lasciate cuocere giusto per qualche minuto. Togliete dunque l’aglio e fate rosolare e condite i vermicelli col sugo e condimento ottenuto.
Cuocete dunque la frittata da entrambi i lati, aggiungendo il prezzemolo ed il pepe. Lasciate raffreddare e servite.
Buon appetito!

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più