Straordinario evento gratuito al Cimitero Monumentale: visita guidata con performing art

Un evento unico sarà quello di sabato 15 dicembre 2018, quando i ragazzi di Sii Turista Della Tua Città accompagneranno i visitatori alla scoperta del Cimitero Monumentale di Poggioreale e del Quadrato degli Uomini Illustri.

La visita non avrà carattere tetro o macabro, ma sarà un inno alla vita che servirà a ricordare quanto sia importante. L’evento prevede vari momenti di performance artistiche: ci saranno Alfredo De Rogatis, musicista e cantautore, la danzatrice Alessandra Sorrentino e l’arpista Zena Rotundi, molto nota perché solitamente si esibisce a Spaccanapoli incantando tutti, sia i turisti che i napoletani. Tali momenti artistici, ideati in modo da inserirsi secondo tempi e location ben studiati, si svolgeranno nel massimo rispetto del luogo, che è un posto sacro. La visita nel suo complesso durerà circa 3 ore, quindi siate sicuri di avere il pomeriggio libero.

L’evento è patrocinato dal Comune di Napoli ed è stato possibile realizzarlo grazie all’impegno degli assessori Alessandra Clemente e Ciro Borriello. La partecipazione è gratuita ma a numero chiuso, quindi è necessario prenotarsi con un messaggio privato sulla pagina Facebook di Sii Turista Della Tua Città.

Il cimitero monumentale fu costruito nel 1813 dall’architetto Francesco Maresca. Fu la prima struttura cimiteriale costruita a Napoli dopo il decreto di Saint Cloud emanato da Napoleone Bonaparte nel 1804. Questo editto imperiale imponeva di costruire i luoghi dedicati alla sepoltura dei defunti al di fuori delle mura cittadine per diminuire il contagio di malattie causate dalla vicinanza di corpi putrefatti. Nel Regno di Napoli un progetto simile era stato già iniziato nel 1762 con la costruzione del Cimitero delle 366 fosse, realizzato da Ferdinando Fuga che, pur basandosi sul sistema delle fosse comuni, prevedeva l’allontanamento delle sepolture dalla città.

È proprio in questo cimitero che si trova la tomba del principe di Bisanzio insieme con quelle di alcuni dei più importanti artisti che hanno reso il capoluogo napoletano celebre in tutto il mondo. Il tenore Enrico Caruso, gli attori Eduardo Scarpetta e Nino Taranto. Ma ancora, lo scrittore Salvatore di Giacomo, lo scultore Vincenzo Gemito, il filosofo Benedetto Croce, i musicisti Saverio Mercadante e Nicola Antonio Zingarelli. Tutti sono situati nel quadrilatero degli Uomini Illustri formato da centocinquantasette monumenti suddivisi in sette isole. Basterebbe questo per affermare che il cimitero di Poggioreale è un complesso di grande valore storico e culturale, un vero e proprio patrimonio di Napoli.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più