Napoli, 500 nuovi medici prestano giuramento: l’omaggio alla piccola Noemi

giuramento di ippocrateNapoli – Al teatro Augusteo di Napoli, alle ore 10:00 di questa mattina, ha avuto luogo il tradizionale giuramento di Ippocrate da parte dei nuovi medici. Un evento affascinante che dà il benvenuto ai neolaureati di medicina all’interno della professione. Un evento che segna il primo passo nell’arduo compito di assicurare le cure necessarie a ciascun cittadino.

Sono stati oltre 500 i nuovi medici che hanno prestato giuramento, ed ognuno di essi ha portato con sé, uno o due accompagnatori. Il risultato è stato talmente grande che il teatro non è riuscito a contenere tutti gli ospiti. Gli ultimi arrivati infatti, hanno potuto seguire la conferenza solo in diretta streaming, dal Salone Margherita. Da lì hanno potuto assistere alla solenne cerimonia, in cui sono intervenuti anche illustri personaggi della categoria medica come il Presidente dei medici Silvestro Scotti ed il Presidente dell’ordine dei medici del Benin, il dottor Francis Dossou, che ha regalato una interessante testimonianza ai più giovani.
teatro AugusteoProprio Silvestro Scotti si è reso protagonista di un discorso che rende giustizia alla categoria, un discorso di benvenuto, ma anche un discorso fortemente critico chiedendo maggiore attenzione alla sanità da parte dello Stato, richiede anche che siano adoperate maggiori risorse umane. Conclude poi elogiando il grande lavoro svolto dai medici che si stanno occupando di Noemi, la bambina rimasta ferita il 3 maggio da colpo di arma da fuoco. Tutto il teatro si chiude in un applauso dedicato alla piccola, ma anche ai medici che se ne prendono cura giorno dopo giorno.

Alle parole del dottor Scotti, anche il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris lascia cadere delle critiche sulla sanità, affermando della necessità di una politica che sappia programmare al meglio e che investa sul pubblico.
Alle critiche di Scotti e De Magistris sembra però controbattere il Presidente della Regione Campania, Vincen<o De Luca che assicura tutti i presenti che nei prossimi mesi ci saranno nuovi concorsi per l’assegnazione di circa 7600 posti di lavoro.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più