Napoli: oggi l’ultima tappa dell’Aludays, il tour dedicato al riciclaggio dell’alluminio

lattina AludaysNapoli– A partire da oggi fino alla giornata di sabato 19 ottobre, si terrà a Piazza Carità l’ultima tappa del progetto Aludays dedicato al riciclo dell’alluminio. Inoltre sarà possibile partecipare ad un concorso che scadrà il 20 ottobre con in palio le riciclette. L’evento è a titolo gratuito.

Dopo le tappe dell’Umbria, quella di Campobasso e quella di Bari, l’ultima tappa del tour fará visita a Napoli. Un evento suggestivo che ha l’obiettivo in primis di riciclare l’alluminio, ed in seconda battuta di sensibilizzare i cittadini al tema del riciclaggio.

Il tour Aludays sará quindi un momento di sensibilizzazione e di coinvolgimento. Infatti in questi tre giorni del minivillaggio, i visitatori saranno coinvolti in prima persona attraverso giochi e momenti di aggregazione tutti interamente dedicati all’argomento, mettendo alla prova le proprie abilitá nel riciclaggio.

I dati partenopei a tal proposito sono molto incoraggianti. Nonostante i tanti problemi legati ai rifiuti, la città di Napoli nel solo anno solare del 2018 ha prodotto 147 tonnellate di imballaggio in alluminio. Da questa grande quantità sono stati prodotti: circa 290.000 caffettiere moka; 13.000 city bike; 115.000 padelle e 15.400 cerchioni per auto.

Ma non è finita qui, Aludays infatti mette anche in palio 9 riciclette,  biciclette costruite con circa 800 lattine di alluminio. Qualcuno avrà anche la fortuna di vederle girare in strada, infatti alcuni green-riders guideranno le riciclette per la città per confrontarsi con cittadini e turisti. Per vincere il premio in palio giocando tramite il sito online “nonsololattine“.

Non solo riciclette, in palio ci saranno anche delle pentole interamente riciclate che si possono vincere tramite concorso sullo stesso sito. Inoltre durante la visite del minivillaggio ci saranno tanti altri gadget nei diversi stand.

Insomma una bellissima iniziativa, che al di là dei premi favorisce la sensibilizzazione alla tematica. Un momento quindi di integrazione, ma anche di contributo al pianeta.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più