Napoli, Higuain: “Superare Maradona? Non sarà facile”

higuain
Foto: sscnapoli.it

In occasione della presentazione del Calendario immagine 2016 del Napoli, il bomber azzurro Higuain ha rilasciato alcune dichiarazioni. Ecco le parole del Pepita riportate dal sito ufficiale dei partenopei: “A Napoli sono felice, voglio vincere in azzurro. Innanzitutto ciò che conta per me e  per tutti è la salute. Sotto il profilo sportivo il mio sogno è conquistare traguardi importanti con il Napoli. Questa città è speciale, i tifosi sono fantastici, mi fanno sentire il loro calore ogni momento e sarebbe fantastico per me poter festeggiare qualcosa di importante con la gente napoletana”

Inevitabile il paragona con Maradona, ma solo per ciò che riguarda i record di gol:  “Diego ha segnato tanto, arrivare a 115 gol non sarà facile per nessuno. Io sono contento quando segno, ma il mio obiettivo è vincere con la squadra. Se i miei gol servono a centrare un successo allora sono felice, altrimenti ciò che conta è vincere”.

Su dove può arrivare il Napoli nel 2016 ha così proseguito: “Noi siamo convinti e consapevoli di poter puntare in alto, poi è chiaro che ci sono anche gli avversari. Al momento dobbiamo penare solo a proseguire su questa strada e lavorare come ci indica Sarri. Col mister ho un rapporto bellissimo, quest’anno è scattato un feeling con lui dopo soli 5 minuti che abbiamo parlato. E’ un allenatore di grande valore e seguendo lui possiamo fare un cammino ricco di soddisfazioni”.

Poi interviene anche Pepe Reina che in marito all’attuale posizione in classifica degli azzurri: “Sappiamo di avere una squadra competitiva e non ci nascondiamo, ma per vincere c’è bisogno di tanti fattori. In campionato ci più pretendenti al successo, ma noi sappiamo di essere nel novero al vertice e vogliamo restarci.La partita con la Roma ha dato indicazioni importanti,Io la ritengo la gara più significativa della nostra stagione perchè ci ha dato una misura del nostro valore”.

Continua l’estremo difensore: “In questo momento del campionato essere in testa significa poco, sia quando c’eravamo noi che adesso. Le posizioni in campionato si definiscono a maggioAdesso pensiamo alla gara di Bergamo. Sappiamo che è una partita molto sentita dai nostri tifosi e daremo il massimo per chiudere l’anno alla grande”.

Potrebbe anche interessarti