VIDEO/Chiariello: “Il Napoli arrivò terzo e una campana andò in A, sapete che successe…”

 

A Canale 21, durante il consueto appuntamento domenicale con Campania Sport, Umberto Chiariello ha dato voce al suo Editoriale. Prima di tutto ha parlato dell’Italia e di ciò che i nazionali di Ventura dovranno fare per qualificarsi ai mondiali, lanciando una piccola critica alla Lega Calcio:

L’italia dovrà andare a vincere in Spagna. Ci vorrà un miracolo per farlo. Anche perchè è stata bocciata la richiesta di Ventura di anticipare il campionato di una settimana. Ma questo è un limite della Lega Calcio, che ha mostrato già la sua poca organizzazione nello stabilire i turni di Coppa Italia quest’anno, che avrebbero potuto compromettere la corsa Champions, per non parlare della sua incapacità a trovare e stabilire accordi con le tv“.

Riassume poi quelle che sono state le belle novità di questa stagione calcistica:

“E’ doveroso salutare l’arrivo in Serie A di una squadra campana e cioè il Benevento, che ha fatto un miracolo, così come lo è stato la salvezza del Crotone. Queste squadre vengono definite squadre ascensore. Una definizione tipica lombarda. Le squadre ascensore sono state in passato il Brescia, il Como e l’ Atalanta. Sono quelle squadre che fanno il saliscendi dalla A alla B e qualche volta retrocedono di due serie per poi infilare la doppietta. Ad esempio il Cagliari di Ranieri che in due anni salì dalla serie C alla A. Il Benevento ha provato tanti anni a salire, ma non c’è mai riuscito, sembrava una maledizione. Per fortuna quest’anno ha trovato la giusta ricompensa grazie anche ad un fuoriclasse come Puscas. Complimenti anche al Napoli Basket che sale in A2“.

Conclude con il Napoli di Sarri, lanciando una profezia:

“Già sono stati accostati 21 portieri al Napoli, per non parlare di tutti gli altri nomi fatti. In realtà questo Napoli è nato ad ottobre con l’intuizione di Sarri di ristrutturare l’attacco, facendo nascere quelli che potremmo definire i gemelli nanerottoli del goal, Mertens e Insigne. Questa squadra ha fatto 19 vittorie in 24 partite, mostrando di essere una squadra completa. Ora cari tifosi dovete fare come l’Ulisse dantesco, non dovete ascoltare i richiami delle sirene altrui, cioè non dovete preoccuparvi delle altre squadre e dei loro acquisti. La squadra deve restare compatta e unita come è adesso. La squadra va solo completata, un esterno destro, un esterno d’attacco e un portiere. Attaccanti e centrocampisti ne abbiamo di qualità, in difesa siamo al completo anche perchè Tonelli e Maksimovic sono elementi forti che non hanno ancora mostrato tutte le loro qualità. Chiudo con una cabala: l’ultima volta che una campana, l’Avellino, era salita in serie A e il Napoli aveva chiuso in terza posizione, l’anno dopo sapete cosa è successo? IMMAGINATE!”

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più