Scontro tra napoletani e romanisti a Londra: è una bufala. La verità sull’accaduto

Tifosi Napoli - Roma

Si parla ancora di odio calcistico, ed anche questa volta sono coinvolti i napoletani e i romanisti, due tifoserie dai rapporti tesi a causa dei tragici precedenti che li hanno visti coinvolti, in ultimo la morte di Ciro Esposito, avvenuta per mano giallorossa.

IL FATTO: La notizia dei presunti scontri tra la tifoseria napoletana e romana è circolata all’indomani della sfida Champions che ha visto impegnato il Napoli impegnato in trasferta contro il Manchester City. Infatti, secondo varie indiscrezioni, lo scontro sarebbe avvenuto all’esterno dell’aeroporto e sarebbero stati proprio i napoletani ad aver atteso i romanisti in terra anglosassone, accorsi per assistere alla sfida contro il Chelsea.

I napoletani avrebbero minacciato e provocato i romanisti, ma senza arrivare ad un effettivo scontro. Addirittura circolava anche un audio WhatsApp di un tifoso romanista, spaventato, che confermava la presenza all’esterno dell’aeroporto di un gruppo di tifosi napoletani, circa una quarantina, che erano incappucciati e armati di cinte e chiavi inglesi e che avrebbero tentato di affrontare i tifosi romanisti, i quali però non avrebbero ceduto alle provocazioni dei tifosi azzurri. Subito si è cercato di approfondire la notizia e di cercare una conferma ufficiale del fatto presso le varie autorità competenti. Conferma che non è arrivata.

LA VERITA’: Oggi, dopo circa 24 ore, si è riusciti a fare maggiore chiarezza sull’accaduto. Il sito Stylo24, dopo varie ricerche e indagini, ha confermato come la notizia sia una bufala, per vari motivi. Infatti sono stati proprio i colleghi a contattare la Digos di Napoli e Roma per appurare la veridicità della notizia, i quali non hanno dato conferma dell’accaduto.

Infatti è impossibile che una notizia di tale gravità non abbia inondato le pagine di cronaca nazionale ed internazionale, ma sia passata sostanzialmente inosservata alle più importanti testate giornalistiche. Inoltre è impossibile che in un luogo così blindato e supervigilato da misure antiterroristiche all’avanguardia come l’aeroporto di Londra, siano passati inosservati tifosi armati e incappucciati. Per non parlare dell’audio WhatsApp, utilizzato come modalità di denuncia dell’accaduto, che non può essere considerato una prova schiacciante. Quindi, questa è da considerare un’ennesima provocazione, o meglio uno scherzo di cattivo gusto per esasperare la rivalità calcistica tra le due tifoserie.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più