Pioggia di critiche su Verdi: “Ora hai perso il treno. Napoli solo per uomini veri”

Il matrimonio non s’ha da fare. Simone Verdi e il Napoli resteranno solo nemici sul campo, con buona pace di Sarri e Giuntoli che su di lui avevano investito tempo e aspettative. Il fantasista del Bologna ha detto no, vuole restare in Emilia Romagna per sua insindacabile scelta, anche se questo significa rifiutare un’offerta imporante come quella azzurra.

Le sue spiegazioni, però, non sono bastate ad evitargli una pioggia di critiche cadutagli addosso dal mondo del calcio e dello sport, non solo azzurro. Opinione comune è l’imputazione al giocatore di scarsa chiarezza e trasparenza, visto che ha tardato fin troppo a rendere note al Napoli le sue intenzioni (evidentemente già irremovibili).

LEGGI ANCHE
Hamsik da record, ma è gioia a metà: "Contenti di stare sopra, peccato solo..."

In tanti, dicevamo, si sono espressi sull’argomento. Uno dei commenti più sentiti è quello dell’ex campione mondiale e olimpico Franco Porzio, che ha tweetato: “Verdi hai fatto bene! Questa è una città per uomini veri. Solo carattere personalità e voglia di accettare tutti i giorni grandi sfide. In bocca al lupo per il tuo futuro (Juve Inter sarai uno dei tanti). #soldi a te, orgoglio e dignità a noi napoletani”.

Più neutrale, ma comunque duro, Rino Cesarano, giornalista de “Il Corriere dello Sport”, ospite a Radio Kiss Kiss: “Napoli e i napoletani rispettano la scelta di Verdi, ma non è condivisibile il suo atteggiamento: il calciatore avrebbe potuto dire subito che non se la sentiva di lasciare il Bologna. E’ un problema di chiarezza e trasparenza. Nel calcio la correttezza, come quella del Napoli, non paga. Forse la società azzurra paga anche un pizzico di lentezza nelle trattative. Il punto è tutto lì: perchè far passare 15 giorni prima di dire “fermatevi, voglio restare a Bologna”? Non è Verdi che ha rifiutato il Napoli, ma è Verdi che ha perso il Napoli”.

Anche Fabio Caressa è intervenuto sulla questione: “Il ‘no’ di Verdi al Napoli, non è la scelta giusta. La porta, caro Verdi, ora è chiusa. Dimentica la possibilità di andare a giugno a Napoli se dici no a gennaio quando puoi lottare per lo scudetto. Il treno è passato, se non lo prendi al volo lo perdi! Ha 26 anni, non ne ha 19! Se non ha la maturità per giocare in una grande squadra, quando l’avrà?”.

Oltre ai volti noti dello sport, anche il web non ha risparmiato il giocatore. Critiche, sfottò e anche qualche insulto ai suoi danni. Siamo sicuri che non si pentirà della sua decisione?

LEGGI ANCHE
Ezequiel Lavezzi: il soprannome di 'Pocho' e quella lettera ai tifosi azzurri

Potrebbe anche interessarti