Hamsik: “Da Napoli non me ne andrò, qui voglio vincere. Maradona mi ha detto…”

Marek Hamsik, capitano del Napoli, il giocatore più amato dalla tifoseria e dalla città, non solo perchè è un grandissimo professionista ma anche e soprattutto per il suo lato umano e per il suo forte legame verso questa terra, sempre palesato e ostentato, ha rilasciato una lunga intervista a al quotidiano Pravda.

Ecco i tratti più salienti messi in evidenza dalla nostra redazione:

Alla fine dell’anno scorso, hai battuto il record di tiro Maradona a Napoli. I tifosi hanno preparato grandi ovazioni allo stadio. Cosa provi in ​​questi momenti?
“Stavo aspettando il 115° gol per raggiungere Maradona e l’ho fatto nella partita di Torino. Molto è stato scritto a riguardo e tutti si stavano preparando per quel momento. Quando è arrivato, è stato bellissimo. Lo stesso è stato ripetuto quando ho fatto il 116esimo gol nel match con la Sampdoria. Quando i 60 mila spettatori stanno in piedi e gridano al mio nome al San Paolo, sento i brividi. È qualcosa di irripetibile, lo ricorderò per il resto della mia vita”.

Hai ricevuto molte congratulazioni?
“Abbastanza, non solo da compagni di squadra o conoscenti. Mi ha fatto piacere che la gente lo guardasse e si ricordasse di me”.

Vivi a Castel Volturno, ma puoi tranquillamente andare a Napoli?
“Lì trovo difficile spostarmi, ho sempre pensato così e così sarà”.

Attraverso i social network hai scambiato messaggi con Maradona. Ti sei incontrato personalmente con lui?
“Non ancora, non era il momento. Ma credo che accadrà e potrò passare del tempo con lui. Si è congratulato per il record, sono molto contento, lo apprezzo”.

Stai pensando di legare il tuo futuro con il Napoli, dove sei stato in undici anni?
“Non ne dubito affatto. Da Napoli, sicuramente non me ne andrò”.

Il futuro?
“Non posso dire che sia difficile parlare di quello che sarà tra circa un anno o due. Ora mi sto concentrando per ottenere finalmente il titolo a Napoli. Questo è il mio obiettivo principale”.

La squadra gestisce praticamente dall’inizio il campionato, sembra promettente. Ma la primavera sarà lunga e impegnativa
“Certo, sono d’accordo. Abbiamo avuto la primavera migliore l’anno scorso, e ora stiamo tirando una serie incredibile. Avere una sola partita a settimana, è una grande prestazione. Credo che manterremo questa tendenza e celebreremo lo scudetto”.

Anche in autunno hai avuto periodi più deboli, ma il tuo finale è stato eccellente
“Fortuna che ci sia uscito. Ho battuto il record, ho iniziato a fare gol, ne ho messi tre a segno. Ora facciamo una breve pausa e devo riprendere lì da dove ho finito all’inizio dell’anno. Il mercato ci porterà qualche aiuto”.

Cosa ne pensi?
“È semplice, non possiamo perdere punti. Per ottenere più punti possibili, avremo bisogno in particolare di una buona difesa”.

L’Inter ha perso un po’ di terreno. Sei felice?
“È importante che il tavolo cominci a sobbalzare un po’. Non ci sono più 5 squadre in testa. Noi e la Juventus siamo davanti, gli altri team sono nove o più punti dietro di noi”.

Finirai per interrompere la striscia di scudetti della Juventus?
“Spero. La Juventus è indubbiamente la nostra avversaria più dura, ma non sottovaluto nemmeno le altre squadre. Ci sono ancora molti punti in gioco”.

Potrebbe anche interessarti