Feltri ironizza: “Il Napoli ha vinto perché assistito da San Gennaro”

Come da consuetudine, di Napoli e Juve non si finisce mai di parlare.

A due giorni dalla meritata vittoria degli azzurri allo Juventus Stadium e con la 35esima giornata di Serie A alle porte, sembra che ci sia ancora molto da dire su Juventus-Napoli. Un panorama calcistico dominato da giudizi e considerazione contrastanti. Chi inneggia al miracolo, chi esalta il Napoli, chi denigra gli azzurri riducendo la vittoria a un demerito della Juventus e chi invece resta dell’opinione che un episodio negativo nel percorso bianconero non precluda agli uomini di Allegri il raggiungimento del loro obiettivo. Insomma tutti sanno qualcosa, tutti sono convinti e per tale motivo tutti sentono la necessità di esternare le loro considerazione.

Eppure dal già bollente calderone di opinione, proprio quella che rimanda “all’aiuto divino” mancava dal ventaglio. Ed è proprio quello che Vittorio Feltri esprime su Tuttosport:

I bianconeri non hanno giocato bene e questo l’abbiamo visto anche in TV. Ma non è vero che i guaglioni di Sarri abbiano dominato. Hanno rimediato un golletto sul filo di lana e gli è andata di lusso, beccandosi tre punti pur meritandone uno solo sul piano delle manovre in campo. Non hanno rubato nulla, per carità, semplicemente sono stati assistiti da San Gennaro: non è un buon motivo per dire che la Juve è una ciofeca destinata a non agguantare lo scudetto. Calma e gesso. Essa non è affatto spacciata, semmai ammetta la propria negligenza, avendo affrontato il Napoli a cuor leggero con l’intento di limitare i danni, ossia cercando di pareggiare senza sforzo allo scopo di mantenere la vetta della graduatoria a quattro punti di vantaggio sulla inseguitrice. A mio avviso una strategia sbagliata. Perchè chi si accontenta di poco nel calcio, rimane a bocca asciutta. Questo è accaduto a Torino”.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più