Juventus-Napoli, anomalia razzista. Biglietti vietati ai nati in Campania!

Accade per la prima volta in Serie A. Il divieto di vendita dei biglietti varato sulla base del territorio di nascita. Ad essere colpiti non potevano che essere i tifosi del Napoli. La Juventus da domani metterà in vendita i biglietti validi per la seconda giornata di campionato, escludendo di fatto la possibilità a qualsiasi tifoso partenopeo di accedere all’impianto torinese.

Sul sito ufficiale del club bianconero si legge infatti che i biglietti non sono acquistabili per i residenti in Campania e per tutti quelli che nella regione ci sono addirittura nati. Insomma, il club di Agnelli per una partita da sempre potenzialmente a rischio ricorre alle maniere forti escludendo in linea teorica anche tutti i suoi tifosi nati a Napoli e nelle altre città della Campania.

Una misura che però potrebbe in realtà mai vedere applicazione, perché la vendita inizialmente è riservata solo a chi ha diritto di prelazione. E’ possibile che i biglietti vengano già esauriti in questa prima fase. L’Osservatorio si esprimerà solo dopo Ferragosto. Ma intanto la Juventus vara la linea dura.

Una misura alquanto atipica e se vogliamo altamente discriminatoria contro tutti i campani. Da un lato è chiaro che la sicurezza vada preservata, ma è altrettanto netta la volontà di escludere in qualsiasi modo l’entrata dei napoletani. Ancora una volta discriminati. Forse i cori sul Vesuvio non bastavano.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più