Il Napoli deferito due volte: per l’affare Osimhen e per aver violato le norme anti covid con la Juve

napoli deferitoIl Calcio Napoli è stato deferito dalla Procura Federale per ben due volte nel giro di pochi giorni. A finire nel mirino della giustizia sportiva sono due episodi che riguardano il club di De Laurentiis. Il primo è la cessione di Osimhen dal Lille al Napoli e il trasferimento di altri tre calciatori; il secondo riguarda Juventus-Napoli (finita sul campo 1 a 1) e la mancata osservanza dei Protocolli sanitari per aver fatto partire e giocare tre calciatori che erano stati contatti di positivi.

NAPOLI DEFERITO: PLUSVALENZE NELL’AFFARE OSIMHEN

In un comunicato viene reso noto come il Napoli e altre società (tra cui la Juventus) siano state deferite:

Il Procuratore Federale, espletata l’attività istruttoria in sede disciplinare ed esaminati gli atti del procedimento, ha deferito dinnanzi al Tribunale Federale Nazionale – Sezione Disciplinare le Società FC Juventus, UC Sampdoria, SSC Napoli, FC Pro Vercelli 1892, Genoa CFC, Parma Calcio 1913, Pisa Sporting Club, Empoli FC, AC Chievo Verona, Novara Calcio, Delfino Pescara 1936 a titolo di responsabilità propria, ai sensi dell’art. 31 comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva, per avere contabilizzato nelle Relazioni finanziarie plusvalenze e diritti alle prestazioni dei calciatori per valori eccedenti quelli consentiti dai principi contabili in misura tale da incidere significativamente, per alcune delle predette Società, sui requisiti federali per il rilascio della Licenza Nazionale, violando in tal modo anche l’art. 31 comma 2 del Codice di Giustizia Sportiva.

Le stesse Società sono state deferite a titolo di responsabilità diretta, ai sensi dell’art. art. 6, comma 1, del Codice di Giustizia Sportiva, per gli atti e comportamenti posti in essere da propri soggetti apicali dotati di potere di rappresentanza e per responsabilità oggettiva, ai sensi dell’art. art. 6, comma 2, del Codice di Giustizia Sportiva, per gli atti e comportamenti posti in essere da soggetti apicali non dotati di poteri di rappresentanza. Con le predette società sono state deferite anche 61 persone fisiche che a vario titolo hanno ricoperto l’incarico di consigliere di amministrazione o di dirigente dotato dei poteri di rappresentanza“.

Le indagini della Figc riguarderebbero la compravendita di Victor Osimhen dal Lille al Napoli e quelle di Karnezis, e tre giovani della Primavera: Claudio Manzi, Ciro Palmieri e Luigi Liguori. De Laurentiis aveva dovuto rispondere anche alle richieste del procuratore dell’attaccante.

JUVE-NAPOLI: VIOLATE LE MISURE SANITARIE

È il sito della Figc attraverso un comunicato a spiegare i due deferimenti nel dettaglio:

Il Procuratore Federale, all’esito dell’attività istruttoria espletata in sede disciplinare, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis e il responsabile sanitario del club Raffaele Canonico “per non aver provveduto a far rispettare o comunque per non aver vigilato sul rispetto delle norme in materia di controlli sanitari, e in particolare per aver consentito o, comunque, non aver impedito ai calciatori Stanislav Lobotka, Amir Rrhamani e Piotr Zielinski di partire da Napoli alla volta di Torino con l’aereo lo scorso 5 gennaio, insieme al resto del ‘gruppo squadra’, e di partecipare lo scorso 6 gennaio alla gara valevole per il campionato di Serie A Juventus-Napoli, nonostante i tre citati calciatori fossero stati sottoposti a quarantena domiciliare sino al 9 gennaio, come disposto dall’ASL Napoli 2-NORD, con nota, avente ad oggetto ‘Provvedimenti da adottare per positività al TNF di alcuni componenti del Gruppo Squadra SSC Napoli’, comunicata il 5 gennaio alle ore 17.01.

La società è stata deferita per rispondere a titolo di responsabilità diretta della violazione dell’art. 6, comma 1, del C.G.S. vigente, per il comportamento posto in essere dal presidente Aurelio De Laurentiis e a titolo di responsabilità oggettiva della violazione dell’art. 6, comma 2, del C.G.S. vigente, per il comportamento posto in essere dal responsabile sanitario Raffaele Canonico“.

Potrebbe anche interessarti