Caso Osimhen, la Procura proroga le indagini. La giustizia sportiva ha già assolto il Napoli

osimhen
Foto: Victor Osimhen, profilo Instagram

La Procura del Tribunale di Napoli ha prorogato di ulteriori sei mesi le indagini sull’acquisto di Victor Osimhen da parte della SSC Napoli. Secondo i magistrati inquirenti potrebbero essersi verificate delle irregolarità da parte dei vertici della società, in particolare il reato di false comunicazioni in bilancio. Lo riferisce l’agenzia Ansa.

Sul caso aveva già indagato la giustizia sportiva che non ha rilevato illeciti. La giustizia ordinaria procede invece su un piano diverso, ma i legali del Napoli ribadiscono – come in passato – la certezza di potere dimostrare la regolarità dell’operazione.

Plusvalenza Osimhen: il caso

Fu la magistratura francese a fornire l’impulso ai colleghi italiani nell’avviare l’indagine sul passaggio di Victor Osimhen dal Lille al Napoli per la cifra di 71 milioni e 250mila euro. L’operazione ha coinvolto altri quattro calciatori. La Guardia di Finanza, da alcuni mesi, sta setacciando tutta la documentazione.

La giustizia sportiva ha assolto il Napoli

Il fondamento delle indagini si è basato su un presunto valore eccessivo attribuito al calciatore che, però, durante la sua permanenza in azzurro sta dimostrando tutto il suo valore. Il legale del Napoli, l’avvocato Mattia Grassani, aveva commentato così il proscioglimento in primo grado per De Laurentiis da parte del Tribunale Federale:

“Per quanto concerne il Napoli e l’operazione Osimhen, già il deferimento ci era apparso una forzatura, il pronunciamento del tribunale federale ha confermato che l’operazione è stata assolutamente cristallina. Del resto, sostenere che un calciatore di quel calibro potesse valere 20 milioni in meno, ma anche 20 milioni in più rispetto alla quotazione attribuita dal Lille, significava snaturare la libera contrattazione del club francese che, come spesso accade in trattative di questo genere, dà vita anche a una vera e propria asta ovviamente al rialzo come sta accadendo in questi giorni con Botman. Tutti conoscono Osimhen e il suo valore, che non è stato affatto sopravvalutato, tanto da essere addirittura incrementato oggi dopo neanche due stagioni. Se esistesse un ‘tariffario’ o un ‘listino prezzi’ non avrebbe più senso il calciomercato e si svilirebbe il ruolo degli operatori di mercato e l’autonomia negoziale dei privati”.


Potrebbe anche interessarti