Ex Napoli, Bucchi. Una carriera tra doping, sfortune in campo e nella vita privata

Bucchi

Cristian Bucchi è stato un giocatore del Napoli nella stagione 2006-2007 e successivamente nel 2010-2011. Ma prima di parlare della sua esperienza partenopea, ripercorriamo la sua carriera partendo dagli inizi.

L’attaccante romano classe ’77 ha iniziato nelle giovanili della Sambenedettese nel 1995 e 3 anni dopo è passato al Perugia in Serie A. Nell’estate del 1999  venne ceduto in prestito in Serie B al Vicenza e con le sue 10 reti contribuì alla promozione dei biancorossi in massima serie.

L’anno successivo ritornò al Perugia dove, a seguito di un test antidoping, venne trovato positivo al Nandrolone e fu costretto a fermarsi per un anno. Terminata la squalifica, venne ceduto sempre in prestito alla Ternana che militava in B.

Nel 2002 il presidente del Perugia, Gaucci, lo cede in prestito al Catania, altra società di sua proprietà. A gennaio Bucchi si trasferì a titolo definitivo al Cagliari rimanendo nella serie cadetta. Durante l’esperienza sarda ha vissuto il momento più drammatico della sua vita a seguito dell’improvvisa morte della compagna Valentina a pochi mesi dal matrimonio. La coppia aveva già una bambina, Emily, di un anno e mezzo. Ritornato pian piano all’attività agonistica, nel 2004 passò all’Ancona in Serie A ma la società fallì e lui, rimasto svincolato, firmò un contratto con il Chievo Verona con cui non giocò mai perchè la società veronese lo cedette in comproprietà all’Ascoli.

L’Ascoli fu promosso in Serie A, ma Bucchi non vi rimase essendo stato ceduto sempre in prestito al Modena per la stagione 2005-2006. Con gli emiliani disputò un grande campionato, conquistò anche il titolo di capocannoniere in Serie B e trascinò la squadra ai Playoff persi poi contro il Mantova in semifinale. Il Modena riscattò l’altra metà del suo cartellino dal Chievo ma decise di cederlo al Napoli in Serie B che lo acquistò offrendogli un contratto quinquennale.

Dopo un ottimo inizio Bucchi non riuscì ad esprimersi al massimo e finì per guardare tutte le partite dalla panchina. Nel complesso con la maglia azzurra ha disputato 34 partite tra campionato e Coppa Italia, conquistando con i partenopei la Serie A. Quindi venne ceduto in prestito al Siena in A che dopo 6 mesi lo rispedì al Napoli che a sua volta lo girò in prestito al Bologna in Serie B con cui Bucchi conquistò la promozione. L’anno successivo ritornò nella rosa azzurrra, ma venne spedito in prestito all’Ascoli di nuovo in B dove tornò dopo 4 anni dalla sua prima esperienza.

Dopo questo campionato rientrò al Napoli per poi trasferirsi in prestito, nel 2009, al Cesena. Anche qui contribuì con i suoi 4 gol alla promozione dei romagnoli. L’anno dopo ritornò al Napoli e fu piazzato sul mercato in cerca di una sistemazione definitiva. Nessuno acquistò l’attaccante che quindi fu messo fuori rosa dopo aver seguito l’intera preparazione atletica. A seguito dell’infortunio di Lucarelli la società decise di reintegrare in rosa Bucchi per sopperire alla mancanza di attaccanti. Tuttavia il calciatore non giocò neanche un incontro e a gennaio tornò in Serie B in prestito al Pescara. A fine campionato fece ritorno al Napoli con cui rescisse il contratto nel 2011 e, qualche giorno dopo, annunciò il suo ritiro dal calcio giocato. In carriera ha realizzato complessivamente 59 presenze in Serie A mettendo a segno 11 reti e 266 presenze in Serie B con 90 goal.

Vanta 3 presenze con la Nazionale Under 21 con cui ha esordito nel 1998 e con cui ha segnato una rete.
Come tutti i calciatori che abbandonano l’attività agonistica, anche Cristian Bucchi ha deciso di diventare allenatore. Nel 2012 ha iniziato la sua nuova carriera allenando la Primavera del Pescara e nel 2013 è stato promosso ad allenatore della prima squadra a seguito dell’esonero di Bergodi. Purtroppo però in quel campionato ha raccolto solo 1 punto in 11 partite e il Pescara si è classificato ultimo con soli 22 punti retrocedendo in Serie B. Bucchi, risolto il contratto con gli abruzzesi, firma quello con il Gubbio squadra che milita in Lega Pro. Esonerato dopo appena 6 mesi nel gennaio 2014, ad inizio 2015 diviene il nuovo allenatore della Torres squadra di Lega Pro. Dopo l’addio alla Torres Bucchi è in cerca di una panchina e, stando ad un indiscrezione dell’articolo del 24 giugno 2015 pubblicato da Cronachemaceratesi.it, Bucchi potrebbe diventare il nuovo allenatore della Maceratese.

Per quanto riguarda la sua vita privata, l’ex attaccante è attualmente sposato con la fotomodella ed ex corteggiatrice di Uomini & Donne Roberta Leto conosciuta nel luglio del 2007 e sposata nel 2009. La coppia ha avuto un bambino, Nicolò, nel 2008.

 

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti