Adani polemizza ancora: “Allegri maleducato”. Il web: “Che succederà al commentatore?”

Non è ancora finita tra Lele Adani e Massimiliano Allegri. La discussione tra l’opinionista di Sky e l’allenatore della Juventus non è rimasta temporalmente confinata nel dopo partita, ma sta portando degli strascichi che non accennano a scomparire.

Dopo la partita Inter – Juventus Allegri ha risposto alle critiche di Adani, mosse in maniera composta ed educata, con un ripetuto “Stai zitto” che il commentatore non ha voluto subire, rispondendo con “Lo dici a tuo fratello”. A quel punto Allegri ha gettato i microfoni interrompendo l’intervista.

Ieri sera a Che Tempo Che Fa, in onda su Rai Uno, Allegri ha affermato: “Se mi devo sorbire tutte le volte la ramanzina di tutte le cose che devo fare… allora no, sono umano. Io posso piacere o meno, ma andare a discutere del lavoro altrui quando uno non è ferrato è mancanza di rispetto e di educazione”.

Lele Adani gli ha risposto a distanza di qualche ora, intervenendo questa mattina ai microfoni di Radio Deejay, dove ha gettato benzina sul fuoco: “È stato scortese, maleducato e arrogante. La frase di non aver vinto gli scudetti manca di rispetto a tutti quelli che ascoltano e che vanno allo stadio. Ma lo saluterei, io non porto rancore. L’intervistato deve cercare di argomentare per rispetto di chi è a casa e ascolta. Sicuramente è accettabile lo sfogo, ma quando hai un ruolo così importante devi saper avere un argomento adeguato”.

In molti adesso, stiamo parlando del popolo del web, si chiedono cosa succederà a Lele Adani. Alcuni, infatti,  affermano che i giornalisti e i commentatori che hanno più volte criticato il mondo Juve in TV avrebbero avuto qualche problema. Tanti appassionati ricordano infatti la “cacciata” di Maurizio Pistocchi e Arrigo Sacchi da Mediaset, giustificata da una contrazione e riorganizzazione del personale, ma che secondo le malelingue dipenderebbe più dall’insofferenza del mondo bianconero che costituisce la fetta più consistente di abbonati alla TV a pagamento.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più