Il Portici apre le danze con una vittoria in trasferta. A segno Loasses e Murolo

Portici

Su un campo che la pioggia rende ai limiti dell’impraticabilità, il Portici riesce ad avere ragione di un ostico Neapolis portando a casa la vittoria all’esordio stagionale. Mister Lepre si affida ad un 4-3-1-2 che vede Borriello tra i pali, Caccia e Giannino centrali con De Nicola e Ponticelli ad agire sulle corsie laterali, in cabina di regia spazio a Loasses con al fianco Porcaro e Improta a garantire muscoli e grinta, coppia d’attacco composta dal duo Murolo-Scielzo supportato alle spalle dal ’96 Avino.

Fin dalle prime battute di gioco il leitmotiv della gara è improntato allo scontro fisico, senza che il Portici riesca a palesare la propria superiorità tecnica sino alla metà della prima frazione di gioco: lancio in profondità di Murolo in direzione di Scielzo che viene atterrato dal portiere in uscita. L’arbitro non esita ad assegnare la massima punizione, trasformata con freddezza da Loasses. La reazione dei locali non tarda ad arrivare ed alla mezz’ora D’Andrea, scattato sul filo del fuorigioco, si presenta tutto solo all’appuntamento con Borriello che gli chiude lo specchio e riesce a deviare in corner la pericolosa conclusione. Nei minuti finali Murolo ha l’occasione di raddoppiare ma il pregevole destro a giro dal limite dell’area si stampa sulla traversa, strozzando in gola l’urlo di gioia del numeroso pubblico azzurro presente sugli spalti.

Il copione della ripresa non cambia ed al 47’ Murolo si riscatta ripetendo la giocata effettuata in precedenza, ma la conclusione stavolta è più fortunata e non lascia scampo all’incolpevole Sabino. Quando la gara sembra chiusa, uno scatto d’orgoglio dei padroni di casa riapre il match con Manna che su azione di calcio d’angolo buca la porta difesa da Borriello. Da quel momento il Portici cala ed inizia a subire le folate offensive dell’undici partenopeo tra le quali la più insidiosa giunge a cinque minuti dalla fine, quando una punizione di Di Fenza dalla sinistra rimbalza proprio davanti a Borriello, strepitoso nello smanacciare in corner con un prodigioso colpo di reni: un intervento che salva il risultato consegnando al Portici la meritata vittoria.

Soddisfatto al termine della partita il tecnico azzurro: «Non era facile giocare su un campo come questo contro una squadra ordinata come quella di mister La Peccerella – esordisce Lepre – I ragazzi si sono comportati bene in tutti i reparti, mostrando enorme abnegazione e spirito di sacrificio: ci sono sicuramente alcune cose da rivedere, ma ora godiamoci questo successo senza pensare a null’altro».

NEAPOLIS: Sabino, De Palma (Pacciarelli), Capasso, Pozone (Manbella), Maraniello, Galeone, Liccardi (Manna), Gallo, D’Andrea, Romano, Di Fenza. A disposizione: Florentini, Franco. All.: La Peccerella.

PORTICI 1906: Borriello, Ponticelli, De Nicola, Loasses (Allocca), Giannino, Caccia, Improta, Porcaro, Murolo (Giorgio), Avino (Carillo), Scielzo. A disposizione: Bellarosa, Molisso, Coppola, Germoglio. All.: Lepre.

ARBITRO: Mollo di Castellammare di Stabia

RETI: 22′ Loasses (rig.) – 47′ Murolo – 61′ Di Fenza

NOTE: spettatori presenti 150 circa, in maggioranza porticesi. AMMONITI: Sabino, Galeone, Avino, Ponticelli, Loasses.

Luca Espinosa – Responsabile Comunicazione PORTICI 1906

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più