Cannonieri Serie A: Maradona primo a Napoli, Piola in assoluto

Diego Armando Maradona

A dodici giornate dall’inizio del campionato di Serie A è già lotta per lo scudetto, ma non solo. Gli attaccanti più rinomati dei club italiani stanno già pensando ad aggiudicarsi il titolo di capocannoniere e la classifica, per ora, vede Tevez in testa con 9 goals seguito dai due partenopei Callejón (con 8 reti a segno) e Higuain ( 7).

Ma allontanando il nostro sguardo dal presente è interessante vedere anche i capocannonieri delle passate stagioni, ricordando i loro numeri.

A questo proposito, partendo dal passato, non possiamo non nominare “El Pibe de Oro” Diego Armando Maradona, che con i suoi numeri ha fatto sognare un’intera città. Il numero 10 argentino è al primo posto nella classifica di goals in maglia azzurra con 115 reti in 7 stagioni (di cui 81 in campionato), seguito da Attila Sallustro con 108 reti in 11 stagioni e da Edinson Cavani con 104 in 3 stagioni: El Matador infatti è stato ad un passo dall’eguagliare (e superare perchè no?) Sallustro e Maradona.

Per i tifosi che vogliono fare un tuffo nell’amarcord, ecco il primo gol di Diego a Napoli, segnato in una partita di Coppa Italia su punizione, precisamente il 22/08/1984.

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=DSu8vfNMTbk[/youtube]

 
Questo invece il primo goal in campionato

 

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=W7hy6J16U5Q[/youtube] Purtroppo per i tifosi partenopei, il Napoli non è sempre stato al primo posto neanche per quanto riguarda i capocannonieri. Nella stagione 1984/1985 il titolo di capocannoniere andò a Michel Platini che in quell’anno segnò 18 reti con la maglia della Juventus. I nostri occuparono la classifica al terzo e al quinto posto rispettivamente con Maradona e Bertoni. Nel campionato successivo il titolo lo conquistò Pruzzo con 19 reti e Maradona guadagnò il quarto posto con 11 goals. Nell’anno 1986-1987 il capocannoniere fu Virdis del Milan con 17 reti e i partenopei conquistarono un quinto e un settimo posto con Maradona e Carnevale che siglarono 10 e 8 reti. Eccoci poi nel campionato 1987-1988 quando fu proprio Maradona a vincere il titolo con 15 reti siglate, seguito da Careca con 13 goals. Da questo momento in poi il Napoli non fu mai più in prima posizione per ben 24 stagioni anche a causa della retrocessione e predominarono le squadre del Nord. Finalmente, nella stagione 2012-2013, Cavani riportò il titolo di capocannoniere a Napoli con 29 reti.

In maglia azzurra però i sopracitati non stati gli unici a gioire di questo titolo: nel campionato di C1 del 2005-2006 anche l’Arciere Calaiò con 18 reti conquistò il primo posto della classifica.

Per quanto riguarda la classifica dei goleador del Napoli in tutte le coppe europee un bel primo posto è assegnato al Matador Cavani che ha totalizzato in tutto 19 reti, superando Maradona con 5. Quest’ultimo invece è al primo posto nella classifica di goleador in coppe nazionali, dove vanta 29 goals.
Cavani è passato al PSG prima di poter superare El Pibe e il suo numero di goals in campionato, rimanendo a quota 78 contro gli 81 del mancino.

In generale, guardando ad una classifica composta da 10 posizioni degli attaccanti più prolifici di Serie A stilata da “Rank your world”, troviamo anche alcuni di quelli che hanno avuto la possibilità di difendere la maglia azzurra. In 6^ posizione troviamo l’attaccante svedese Kurt Hamrin con 190 reti e in 10^ posizione abbiamo Amedeo Amadei con 174 goals realizzati.

Nelle prime tre posizioni della classifica troviamo Piola, Totti e Nordhal. Con il duecentesimo gol di domenica scorsa, Antonio Di Natale, attaccante dell’Udinese, si è guadagnato il 6^ posto nella classifica superando le 190 di Hamrin.
In tutti i modi, i supporters del Napoli sono sempre contenti dei traguardi raggiunti dai propri idoli, ma piuttosto che un piazzamento nei primi posti della classifica di capocannoniere della Serie A, preferirebbero un primo posto in altra classifica ben più ambita!

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più