Sessana, che caos! Turris pronta alla fuga

Turris_tifosi

Semplicemente, caos. Non ci sono altri modi per descrivere quello che è accaduto nelle ultime 24 in casa Sessana. La sconfitta subita dai gialloblu contro la Turris, ha acuito in modo ancor più doloroso ed evidente la crisi della Sessana. Un comunicato, arrivato in maniera del tutto inaspettata nella giornata di ieri mattina, aveva messo la parola fine all’avventura di Riccardo Ricciardi. Un esonero clamoroso, che però è durato appena 24 ore, lo spazio di tempo utile per congedare Salvatore Mennillo, l’uomo designato per il dopo Ricciardi, attraverso un altro comunicato: “La società U. S. Sessana 1915, in merito a quanto comunicato in precedenza […] comunica il ritorno sulla panchina gialloblù di mister Riccardo Ricciardi”.

Una serie di eventi che hanno gettato nel caos più totale la società, già ampiamente scossa per i risultati tutt’altro che entusiasmanti ottenuti dalla squadra nel girone di ritorno: 4 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte in 8 gare. Evidentemente la sconfitta con la Turris, che lascia la Sessana a -4 dai corallini, non è stata metabolizzata a dovere, e l’esonero (con annessa richiamata) così affrettato di Ricciardi ne è la conferma. Un episodio che potrà destabilizzare la squadra per le partite a venire, già da sabato prossimo. La Sessana affronterà in casa un San Giorgio affamato, alla ricerca di punti utili per la salvezza.

Di tutto questo marasma mediatico, può approfittarne la Turris, in virtù del primato in classifica e della spinta dei suoi tifosi, domenica scorsa protagonisti di una fantastica coreografia. Il Forio per i corallini non rappresenta un ostacolo insormontabile, considerando lo straordinario momento di forma che sta vivendo la squadra di Santosuosso. Addirittura, sono 15 i risultati utili consecutivi che ha macinato la compagine torrese, che non perde in campionato proprio dal match di andata con la Sessana del novembre scorso. Una chiusura del cerchio perfetta, per una squadra che adesso non vorrà di certo fermarsi, ma allestire un fuga in grande stile, per mettere la parola fine al campionato.

Potrebbe anche interessarti