Turris, è arrivato il certificato: Liguori pronto ad esplodere ai gol di capitan Longo anche in serie C

turrisTorre del Greco – arrivato il certificato che permette alla Turris di giocare al Liguori. L’ultimo tassello è stato inserito, dopo aver aspettato tanto tempo, dopo anche aver temuto di non potersi iscrivere al prossimo capionato di Lega Pro – ex Seriec C – la Turris ha finalmente ottenuto il certificato Fifa Quality Pro.

Questo certificato, ora che è ritornata al calcio professionistico dopo 19 anni, serve per permettere alla squadra corallina di disputare le partite in casa nel proprio stadio, l’ Amerigo Liguori. Negli ultimi mesi erano venuti a galla diversi problemi legati a questa certificazione, poiché bisognava presentare il proprio stadio pronto entro l’inizio di agosto.

Per questo motivo, dopo tante peripezie e numerosi no dalle città vicine, la Turris è stata costretta ad inserire il “Partenio” di Avellino come stadio in deroga per le partite in casa. Ad annunciare l’arrivo del certiicato è stato il sindaco Giovanni Palomba con una foto sul proprio profilo facebook.

Ora è tutto pronto al Liguori, dopo il rifacimento del manto erboso, la ristrutturazione della tribuna e dell’impianto luci (ci saranno anche partite in notturna). Capitan Longo e compagni sono pronti a scendere sul loro terreno di gioco per lottare nella nuova categoria.

La squadra è ancora in via di ristrutturazione, diversi giocatori che hanno portato la Turris al successo sono partiti e ne sono arrivati di nuovi, ma la voglia di far gioire un’intera città resta sempre la stessa. Il campionato ripartirà il weekend del 27 settembre, ma ancora non si conosce il calendario.

Quello che già si sa è che sarà un girone di fuoco per la Turris, con la presenza di molte ex blasonate del calcio italiano come Palermo, Catania, Avellino e le acerrime rivali Juve Stabia (retrocessa dalla serie b) e Cavese.

Sperando che tutto torni alla normalità al più presto e che i tifosi possano tornare quanto prima allo stadio per esultare ai gol dei loro beniamini e portare la squadra corallina al successo.

Potrebbe anche interessarti