Da Napoli arriva il dolcificante per diabetici. 3000 volte più dolce e con zero calorie

zucchero

Una scoperta sensazionale quella fatta da un gruppo di ricercatori partenopei: un dolcificante che può sostituire lo zucchero ma che non reca danni alla salute.

Gli studiosi hanno inventato un super dolcificante che è molto più dolce dello zucchero che usiamo tutti ma che non contiene calorie. Inoltre potrebbe essere molto utile per combattere le patologie molto gravi come diabete e colesterolo che per la maggior parte dei casi sono dovute proprio all’utilizzo esagerato di zucchero.

Il team di ricercatori napoletani è riuscito ad individuare la “monellina“, una proteina contenuta in grosse quantità in un albero che cresce in Africa Occidentale e scoperta nel lontano 1969. La dottoressa Delia Picone, che guida la squadra di ricercatori dell’Università Federico II di Napoli, ha così commentato a fanpage.it: “Sono diversi anni che lavoriamo in laboratorio su proteina dolce presente in natura, la monellina, essendo una proteina, non influisce sul rilascio dell’insulina nei diabetici e per dolcificare una tazza di tè ne basta 1 grammo rispetto a 3-4 cucchiai. E’ chiaro che se riusciremo a portarla in commercio sarà in una soluzione liquida“.

Questo dolcificante è ben tremila volte più dolce dello zucchero ma contenente zero calorie, infatti basterà utilizzarne pochissimo. Inoltre potrebbe essere impiegato per le preparazioni farmaceutiche destinate ai diabetici. Però la monellina ha un difetto in natura: con le alte temperature non riesce a legarsi alla molecola che dà la sensazione di dolcezza, quindi così non poteva essere utilizzata per addolcire un caffè o un prodotto da forno. Così “Abbiamo pensato di modificare lievemente la sua struttura molecolare – spiega Delia Picone – sfruttando un processo di fermentazione portato avanti da batteri geneticamente modificati che mangiano scarti alimentari“. In questo modo la proteina è diventata stabile anche a 100° e più dolce: un grammo ha lo stesso potere di tre chili di zucchero.

Potrebbe anche interessarti