Video. Assalto ad un autobus in Via Marina: la scena dell’aggressione

Immagine

Scene di violenza e di follia, potremmo dire, quelle a cui si è assistito ieri mattina in via Marina. Sputi, insulti e pugni sul vetro anteriore di un autobus della linea 154. A dirlo è il Desk.it.

Il tutto dura pochi minuti. Un uomo prende di mira il mezzo perché voleva salire in un punto della strada dove non c’è la fermata stabilita. L’autista si rifiuta di fermarsi e l’uomo decide di aggredirlo.

Il malcapitato conducente chiama le forze dell’ordine, nell’indifferenza generale dei passanti, ma riesce a filmare la scena con il suo cellulare, mentre sul mezzo si diffonde il panico tra i passeggeri.

Questo video  – commenta Adolfo Vallini, coordinatore Usb (Unione sindacale di Base) per i trasporti – mostra, inequivocabilmente, il contesto in cui sono costretti a lavorare i conducenti dell’Anm. Siamo esposti quotidianamente ad aggressioni fisiche e verbali da parte di una utenza inferocita a causa dei frequenti disservizi e alle lunghe attese sulle fermate. Attuare campagne denigratorie e faziose – come accaduto la settimana scorsa attraverso un video che mostrava un bus guasto – nei confronti di una categoria bistrattata, stanca e vilipesa finisce per legittimare atti violenti, come accaduto stamani, nei confronti dei conducenti“.

Le responsabilità  – aggiunge Vallini – vanno ricercate in un sistema di gestione politico-clientelare delle Aziende e nei continui tagli Regionali e Nazionali al trasporto pubblico locale. La politica invece di fare inutili atti di ‘sciacallaggio populistico’ nei confronti dei lavoratori dovrebbe lavorare per ricercare adeguate risorse per la sostituzione della flotta aziendale e l’assunzione del personale Eav distaccato in Anm“.

Il video è stato pubblicato da Il Corriere del Mezzogiorno:

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più