Il miglior pizzaiolo del mondo è una donna ed è napoletana

teresa-iorio-miglior-pizzaiolo-dItalia

Il miglior pizzaiolo del mondo è una donna ed è napoletana. Il nuovo campione del mondo che si è aggiudicato il XIV “Trofeo Caputo”, è Teresa Iorio della pizzeria “Le Figlie di Iorio”, situata al borgo degli orefici. Quarantaduenne, lavora con una squadra tutta al femminile: due sorelle e una nipote.

Con tanta commozione Teresa ha ritirato, tra le lacrime, il suo trofeo affiancata da Carmine e Antimo Caputo, promotori del Campionato che ha portato a Napoli ben 500 pizzaioli provenienti da tutto il mondo. “Sono felicissima – ha dichiarato – dedico questa vittoria a mia madre. La dedico a mio padre Ernesto che mi ha insegnato l’arte. Quando stendo il disco di pizza penso sempre a lui“.

Antimo Caputo, amministratore delegato del Molino Caputo ha dichiarato soddisfatto: “Quando abbiamo immaginato questa gara, abbiamo pensato di mettere al centro il pizzaiuolo, l’anima di questa pietanza che racchiude saperi e sapori. E l’arte della pizza, quella vera, si sta diffondendo nel mondo. Lo si può constatare seguendo il campionato, Napoli è invasa da pizzaiuoli che parlano tutte le lingue“.

Ma il titolo resta a Napoli, nel cuore della città partenopea, consegnato alla nuova “Sofia della pizza“. La giuria di esperti che ha valutato l’operato dei concorrenti era presieduta da Lidia Bastianich e tra i giurati c’era anche lo chef stellato Gennaro Esposito. Al secondo posto si è classificato Giulio Russo e al terzo Yuka Oda.

Mentre sempre più vicino si fa il traguardo per candidare la pizza come patrimonio Unesco, che vede finora 400mila firme.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più