Love Parking, Borrelli: “Vogliono chiuderlo, ipocriti. Si impegnassero contro la criminalità”

LOVE PARKING giugliano.3

Poliziotti che tentano di chiudere il Parco dell’Amore a Giugliano in provincia di Napoli. Come raccontano Borrelli e Simioli ci sono stati ben tre controlli in soli due giorni nella struttura che però ha tutte le autorizzazioni. “Tanto impegno servirebbe nelle lotta alla criminalità. – affermano duramente il consigliere regionale di Davvero Verdi Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli della radiazza – Ipocrita combattere contro questi luoghi e poi girare la faccia davanti alla prostituzione per strada e alle coppiette che si sistemano in ogni luogo“. 

Sono passati pochi giorni dall’apertura del Parco dell’Amore a Giugliano e già si sono presentati in pompa magna i poliziotti per tentare di chiudere la struttura. Tre controlli con auto sparate e lampeggianti – raccontano Borrelli e Simioli – in soli due giorni. Per fortuna l’ imprenditore 40enne Gianluca Iacolare si è premunito e ha tutte le carte in regola anche se la Polizia lo voleva portare in caserma per ulteriori accertamenti. Non hanno niente di meglio da fare nel comprensorio?  Tanto impegno a nostro avviso servirebbe molto di più nelle lotta alla criminalità. Nel Parco dell’Amore ci sono 45 stalli dove le coppie possono appartarsi al costo di 5 euro ogni 2 ore e 3 per le successive. Sta partendo purtroppo una nuova persecuzione ipocrita verso questo imprenditore come è avvenuto precedentemente a Pozzuoli dove il Sindaco e il Vescovo ottennero la chiusura dl sito ma noi ci batteremo con determinazione contro eventuali crociate moraliste. Preferiamo i Parchi dell’Amore invece di strade o aree di sosta degradate che vengono lasciate anche piene di preservativi usati abbandonati per terra e giornali che sono serviti a tutelare la privacy. Si tratta di un’attività che a nostro avviso crea lavoro onesto ed evita scene squallide di coppie appartate lungo vie cittadine con la conseguente sporcizia abbandonata per strada. Noi ci auguriamo che presto venga di nuovo legalizzata la prostituzione affinchè lo Stato regolamenti questo mondo evitando lo scempio e la sporcizia a cui assistiamo lungo le vie delle nostre città, affinchè chi pratica questa attività paghi le tasse e sia sottratto alla criminalità e anche per effettuare sistematici e accurati controlli sanitari

Ho fatto tutto a norma di legge – spiega il titolare dell’attività Gianluca Iacolare – e nella mia area non esercitano prostitute. Ho scelto appositamente di aprire il parco negli orari in cui non praticano la loro attività. Infatti vorrei che fossero sopratutto le giovani coppie a venire nel mio Love Parking. Prima di aprire memore delle polemiche del passato ho ottenuto tutti i permessi definitivi. Per quanto mi riguarda con questa mia attività imprenditoriale creo lavoro, intimità e un servizio ai cittadini sfidando una certa ipocrisia e perbenismo diffusi”.

In difesa del Parco dell’Amore scende in campo anche il consigliere comunale dei Verdi di Giugliano Giuseppe D’Alterio: “Le Forze dell’Ordine – spiega- a mio avviso avrebbero cose più importanti da fare che inseguire le coppiette o chiudere i posti dove si appartano protette e sicure“.

Potrebbe anche interessarti