Manifestazione fuori la sede Rai: “Chiediamo di essere tutelati. Stop allo Sputtanapoli”

#stopsputtanapoli. 5

Fuori la sede Rai di Napoli, ieri mattina hanno manifestato diversi cittadini napoletani, contro le parole del conduttore Massimo Giletti che durante la trasmissione l’Arena aveva definito la città di Napoli “indecorosa” e contro le parole di sprezzo del leader leghista Salvini e del giornalista di Libero Filippo Facci che ha definito la città puzzolente e senza uguali in Europa per lo schifo.

La manifestazione intitolata #StopSputtaNapoli è stata organizzata sui social da Rosario Di Lorenzo. Chiediamo di essere tutelati dalla commissione vigilanza Rai, sia per quanto riguarda il continuo tentativo di far apparire Napoli per ciò che non è, sia per poter avere, sempre, un giusto contraddittorio” hanno spiegato i promotori. Tra i presenti anche il consigliere regionale di Davvero Verdi Francesco Emilio Borrelli.

Una cosa è il diritto alla critica – ha dichiarato- un’altra quella all’insulto e all’offesa promossa per altro da un dipendente pubblico come Giletti che dovrebbe fare il conduttore e non l’opinionista. Questo personaggio non è nuovo a “sparate” contro il sud e la Campania e dovrebbe essere esonerato dalla conduzione o affiancato da persone più equilibrate. Proprio oggi tra l’altro il grande Michelangelo Pistoletto noto artista, pittore e scultore italiano, animatore e protagonista della corrente dell’arte povera ha usato parole di grande apprezzamento per i napoletani a cui stranamente non si da il giusto risalto. Pistoletto si è lamentato perché  l’opera «Mela Reintegrata» sistemata al Parco Sempione di Milano è stata danneggiata da vandali. Intervistato dal Corriere della Sera ha dichiarato: «nella nuova metropolitana di Napoli sono esposte opere di artisti in ogni stazione e lì la gente le rispetta. Io ho due opere in stazioni diverse e non hanno subito alcun danneggiamento. Speriamo che, per una volta, i milanesi si adeguino ai napoletani“.

Non solo Pisoletto ma anche Erri De Luca e adesso Nino D’Angelo – continua Borrelli – si sono espressi in difesa della città”.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più