Tutti pazzi per la Galamella: arriva la GALApizza, di Gino Sorbillo

Galamella

Di certo la pizzeria non è il primo locale dove viene in mente di assaggiare qualcosa di dolce. Tuttavia, i più golosi sapranno che, ormai, in quasi tutte le pizzerie si può richiedere, magari a fine cena da dividere con amici, una pizza con la Nutella. Effettivamente, il connubio fra impasto della pizza e crema di nocciole, magari sciolta dal calore del forno, persino a Napoli viene visto di buon occhio. Adesso, però, sulla nostra pizza dolce potremmo richiedere la Galamella, la crema di nocciole tutta napoletana creata da Dario Meo con ingredienti naturali e sani.

Dopo il successo che la Galamella sta riscuotendo in tutta Italia, moltissimi pizzaioli, napoletani e non, hanno scelto di adoperarla nelle loro ricette. Primo fra tutti Gino Sorbillo, che ha creato appositamente una pizza con Galamella, zucchero caramellato e ricoperta da zucchero a velo. Per ora, oltre che ai Tribunali, potremo richiedere la nostra GALAPizza anche da: Ciro Salvo di “50 Kalò” a Napoli, Salvatore Santucci di “Ammaccàmm” a Pozzuoli, Pasqualino Rossi di “Elite” ad Alvignano, Giovanni Improta di “Al 22” a Napoli, Giuseppe Pignalosa di “Le Parùle” a Ercolano, Attilio Bachetti dell’omonima Pizzeria nella Pignasecca a Napoli,  Gennaro Luciano di “Port’Alba”, Vincenzo Esposito di “Carmnella” a Napoli, Francesco Martucci di “I Masanielli” a Caserta, Ciro Savarese di “Anema e Pizza” di Arzano, Gaetano Genovesi dell’omonima Pizzeria di Via Manzoni, Ciro Oliva di “Concettina” ai Tre Santi alla Sanità.

Visto il successo nazionale della nostra crema di nocciole, anche due pizzerie bene lontane dalla Campania hanno deciso di adoperarla. Si tratta di Pierluigi Pollice della Pizzeria  ‘o Scugnizzo” ad Arezzo e Michele Leo a Bologna. Insomma, un grande successo per una produzione napoletana, visto che molti alti cuochi stanno inventando ricette creative per esaltarla al meglio.

Potrebbe anche interessarti