Ragazza morta al Cardarelli dopo un aborto: raffiche di insulti sul web

Chiara Cipolletta

Una carrellata di insulti inaccettabili e volgari contro la giovane ragazza napoletana morta all’Ospedale Cardarelli in seguito ad un aborto volontario. Chiara Cipolletta, 20 anni e tutta una vita davanti, voleva solo interrompere la gravidanza in compagnia di sua madre ma, in pochi attimi qualcosa è andato storto e la ragazza, dopo l’entrata in sala operatoria, è morta senza che i medici abbiano saputo chiarire con precisione le motivazioni del decesso.

Come segnalato da Ciro Pellegrino in un articolo su Fanpage.it, basta fare un giro sui social per notare i feroci commenti riservati alla giovane dagli utenti facebook: «Una vita per una vita» così hanno commentato i tanti che hanno giustificato la morte della ragazza perchè ritenuta responsabile di aver scelto di seguire  una pratica dalla dubbia moralità, come l’aborto, pertanto, meritevole di morte: poco conta se la ragazza aveva solo 20 anni ed esercitava a pieno titolo un suo diritto, tutelato e sancito dallo Stato.

 

 

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più