Video. Il Corano violento? La Bibbia non è da meno: ecco le reazioni dei napoletani

corano bibbia nati con la camicia

Dopo i sanguinosi attentati di Parigi, sul canale Youtube “Dit Is Normaal” è stato pubblicato un particolare esperimento sociale. Ad alcuni passanti sono stati letti dei versi della Bibbia, dicendo che invece appartenevano al Corano, ritenuto un libro troppo violento. Le reazioni dei passanti, una volta scoperto che quelle frasi erano state tratte dalla Bibbia e non dal Corano, come gli era stato inizialmente detto, sono state innumerevoli.

Lo stesso esperimento è stato riproposto anche a Napoli dai ragazzi di “Nati con la camicia”, i quali hanno rivestito la Bibbia con la copertina del Corano e chiesto alla gente i loro pareri riguardo l’Islam.

“La donna non si vestirà da uomo, né l’uomo si vestirà da donna, perché chiunque fa tali cose è in abominio” e “I tuoi desideri si svolgeranno verso tuo marito ed egli dominerà su di te”, sono solo alcuni dei versetti della Bibbia letti agli ignari passanti, che proprio non si aspettavano di trovare nel loro testo sacro parole così dure, specialmente nei confronti della donna.

Il video si conclude con un interrogativo“L’Islam e il Cristianesimo sono le due religioni monoteiste più professate al mondo. Nonostante questo i musulmani sono tutti terroristi e i cristiani tutte brave persone. Non sarebbe meglio credere un po’ meno alle televisioni e alle st*****e di qualche politico xenofobo?”.

CREDEVANO di leggere il Corano, e invece…Il Corano libro violento? Siamo andati a leggerne qualche versetto in giro. Loro CREDEVANO di leggere il Corano, E INVECE…

CONDIVIDI il video! METTI “MI PIACE” alla pagina Nati Con La Camicia! SFTUM!

Posted by Nati Con La Camicia on Mercoledì 20 gennaio 2016

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più