Pompei. Rubano per sfamare il figlio, ma la polizia li aiuta

questura Napoli

Avevano tentato di rubare omogeneizzati, talco, biberon e detergenti, che sarebbero serviti al loro piccolo. Una volta sorpresi dal responsabile del punto vendita del centro commerciale di Pompei, la polizia è immediatamente intervenuta per fermare i due ladri, giovani genitori. Al commissariato questi ultimi avrebbero raccontato di vivere in una situazione talmente disperata da essere stati costretti a rubare per poter sfamare e accudire il loro bimbo: “Nostro figlio ha fame e non abbiamo i soldi per comprargli il cibo”.

Secondo quanto pubblicato da IlMattino.it, visto il caso particolarmente drammatico e le lacrime dei due ragazzi di appena 18 e 20 anni, senza lavoro e con una famiglia che non può assolutamente sostenere altre spese, il vicequestore aggiunto Angelo Lamanna ha deciso di saldare il conto al negozio e di regalare tutti i prodotti che erano stati rubati al piccolo di 4 mesi. Un immenso atto di umanità e comprensione verso due ragazzi in difficoltà che vorrebbero amorevolmente crescere il proprio bambino. Nonostante tutto però, non è mancata la denuncia del negoziante contro i due giovani genitori, a cui è stato riconosciuto lo sbaglio di aver rubato.

 

Potrebbe anche interessarti