A Capodichino il viaggio è magia: i versi di Pino Daniele vestono le panchine

Panchina Pino Daniele capodichino

All’aeroporto di Capodichino tra un’attesa e l’altra i viaggiatori possono accomodarsi o andare alla scoperta di alcune particolari panchine, sulle quali sono state incise frasi, aforismi, versi di poesie e canzoni indimenticabili di personaggi che hanno segnato la storia di Napolima anche di artisti italiani e internazionali.

Tra i grandi nomi non poteva mancare quello di Pino Daniele e alcuni versi delle sue meravigliose canzoni. Su una panchina si può leggere “Ma po’ ce stai tu che quando ridi e m’abbracci num  m’oscordo cchiù”, su di un’altra “Napule è a voce de’ crature che saglie chianu chianu e tu sai ca nun si sùle”, su un’altra ancora “Siamo angeli che cercano un sorriso”, e poi “Miette ‘e creature ‘o sole pecchè hanna sapè addò fà friddo e addò fà cchiù calore”. 

Frasi per omaggiare grandi artisti, che accompagnano i turisti in un viaggio fatto di emozioni e riflessioni, per insegnare a chi viene in città di aprire il suo cuore ed osservare con occhi diversi i mille colori di Napoli.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più