Exomars. Napoli alla conquista di Marte con Dreams. Qui tra i migliori centri al mondo

Marte

Il progetto europeo Exomars, che indagherà su tracce di vita attuale e passata su Marte, vede l’Italia come principale contraente e responsabile della missione che si svolgerà in due fasi: pochi giorni fa è stato inviato un mezzo sul suolo marziano, per testare le strumentazioni di atterraggio sul pianeta Rosso, mentre nella seconda parte del progetto, nel 2018 vi verrà portato il più sofisticato rover esistente, un laboratorio di analisi chimico fisiche.

Il costo complessivo è di 1.2 miliardi con l’Italia partner di maggioranza, con il 33% dell’esborso, mentre U.K. verserà il 20%, la Francia il 15% e la Germania il 10%. Un’altro pezzo importante è la centralina meteo Dreams (Dust Characterisation, Risk Assessment, and Environment Analyser on the Martian Surface) che catturerà preziosissime informazioni sull’atmosfera marziana, la presenza di polveri e il campo elettrico. Questa è stata fatta a Napoli, all’Osservatorio di Capodimonte vi è infatti uno dei migliori centri al mondo per l’analisi di polveri spaziali, sotto la direzione di Francesca Esposito e con la collaborazione di altre università e centri di ricerca.

Lo strumento effettuerà misure di temperatura, umidità, pressione, velocità e direzione del vento marziano e indagherà sulle sue proprietà elettriche. Gli studi realizzati da Dreams forniranno informazioni utili per quanto riguarda la possibile presenza di vita su Marte.

 

Fonti:

Media.inaf

ESA

Sole 24 ore