I laghi più belli della Campania dove fare il picnic di Pasquetta

Lago-dAverno
Lago d’Averno

Pasquetta, tempo di passeggiate all’aria aperta, gite fuori porta e scampagnate. La Campania è una delle regioni più ricche di storia, oasi naturalistiche e aree dedicate ai picnic.

Molti sono coloro che scelgono di visitare città d’arte, chi preferisce andare invece al mare, o chi sceglie la montagna. Ma molti sono i posti in Campania suggestivi e situati intorno ai laghi, dove poter fare lunghe passeggiate e picnic immersi nella natura.

Noi vogliamo proporvi quelli più caratteristici della Campania e ovviamente naturali.

La provincia di Napoli presenta molti bacini idrici caratteristici, molti dei quali già ampiamente noti. Il lago d’Averno è un lago vulcanico che si trova nel comune di Pozzuoli e precisamente tra la frazione Lucrino e Cuma. Il nome Avernus deriva dal greco άορνος (‘senza uccelli’), tale assenza era dovuta al fatto che le acque del lago esalassero dei particolari gas che non permettessero la vita agli uccelli. Secondo la religione greca e poi romana, era un accesso allOltretomba. Il lago Fusaro (o lago Acherusio) si trova nel comune di Bacoli e dà il nome all’omonima frazione che l’accoglie. Esso si è formato con la chiusura del tratto di mare fra le frazioni di Torregaveta e Cuma e nell’antichità era identificato con la mitica Acherusia palus, la palude infernale formata dal fiume Acheronte. Ricco di mitili e ostriche, per ordine di Ferdinando IV dei Borbone di Napoli, fu fatto costruire un casino di caccia e pesca, progettato dal Vanvitelli (Casina Vanvitelliana). Il lago Miseno è un lago nel comune di Bacoli, tra Monte di Procida e Capo Miseno. Si estende per più di 40 ettari ed è separato dal mare da una barriera sabbiosa larga circa 200 metri. Il lago deve il suo nome a Miseno, trombettiere dell’esercito troiano al seguito di Enea (dall’Eneide di Virgilio – libro VI) che proprio nelle acque marine antistanti il lago annegò. Enea, ritrovato il corpo, lo seppellì sotto un grande cumulo di terra per offrirgli una degna sepoltura, appunto il promontorio di Capo Miseno. Il lago di Lucrino è un bacino naturale situato sulla costa dei Campi Flegrei, a poca distanza dal lago d’Averno. Si è formato in epoca antica a seguito del moto ondoso del mare che col tempo ha chiuso un’insenatura naturale con un istmo. Il nome Lucrino deriva dal latino lucrum (lucro, guadagno, profitto) per gli allevamenti di pesci e soprattutto di ostriche che vi si installarono a partire dall’anno 90 a.C. Il Cratere degli Astroni ha una riserva naturale Wwf ed ospita una grande quantità di uccelli e di animali, come il riccio, la volpe, il ghiro. Inoltre, la zona ospita tre specchi di acqua (Lago grande, il Cofaniello piccolo e il grande) costeggiati da una fitta vegetazione.

Casina_Vanvitelliana
Casina Vanvitelliana sul lago Fusaro

Per la provincia di Caserta particolarmente suggestivo è il Monte Matese dove poter fare piacevoli passeggiate. La particolarità della zona sono sicuramente i laghi, con il noto Matese dove i visitatori potranno ammirare specchi di acqua, cascate, grotte, stalattiti, stalagmiti e molto altro. Presenti aree picnic per consumare il proprio pranzo a sacco. Il lago di Falciano è di origine vulcanica ed è posto alle pendici del Monte Massico, ospita un ricco ecosistema ed è caratterizzato da una folta vegetazione costituita prevalentemente da cannuccia di palude, tifa, coltellaccio e falasco. Attorno al lago sono presenti boschetti di salice bianco, ontano nero e pioppo e nella zona sono state censite 88 specie di volatili tra stanziali, migratori e svernanti.

PENTAX Image
Lago del Matese

Il beneventano è terra ricca di verde e oasi naturalistiche. Davvero incantevole è quella del Parco del Grassano, sito nella valle Telesina, in un’area verde completamente immersa nella natura, una vera oasi tra il fiume Grassano, castelli medievali e rovine romane. C’è un ristorante ed un’area picnic attrezzata per la brace. Si possono anche fittare canoe per fare traversate del rio. Il lago di Telese è situato nel comune di Telese Terme ai confini con quello di Solopaca, nella valle del fiume Calore. Formatosi a seguito del terremoto del 1349 è di origine carsica e ha una forma circolare. Oggi è un luogo tranquillo, presso il lago sono presenti cinque strutture: un motel-ristorante-bar, un bar, un ristorante-pizzeria, una piscina con bar e area pic-nic e un albergo-ristorante-bar-pizzeria.

000 023
Parco del Grassano

In provincia di Avellino c’è il monte Terminio con il suo lago, nel Parco Regionale dei Monti Picentini. Oltre alle aree picnic ed innumerevoli percorsi, alcuni dei quali accompagnati dalla scroscio di un ruscello, il monte Terminio vi offre anche la possibilità di cimentarvi nell’equitazione. Il lago Laceno è alimentato dal torrente Tronola e sorge all’inizio del pianoro e si spande attorno all’abitato. In principio la zona era paludosa, poi nei secoli scorsi lo stesso comune si mobilitò per rendere coltivabile il terreno, bonificando il territorio e canalizzando le acque fino a farle defluire nella posizione odierna del lago. Il lago di Conza, invece, è un bacino artificiale ma rientra nell’oasi di protezione della fauna del lago di Conza, di importanza comunitaria.

Lago-Laceno
Lago Laceno

In provincia di Salerno da segnalare il Lago di Persano e il lago di Sabetta che pur facendo parte di oasi e riserve naturali sono bacini artificiali.

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più