Panchine, cestini e porta rifiuti: così Napoli si prepara ad accogliere i turisti

Cestino“Come al solito, i fatti valgono più delle parole e, mentre tanti parlano di recupero, di riciclaggio, di rinascita di quartieri, c’è chi ha deciso di impegnarsi in prima persona e sta dando il suo contributo per migliorare alcuni quartieri con piccole iniziative, simboliche magari, ma importanti e in grado di dare risposte concrete ai residenti e ai tanti turisti che stanno affollando la nostra città, installando, anche in questi giorni, panchine e cestini portarifiuti”.

Lo hanno detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, e Gianni Simioli de La radiazza, commentando “l’impegno di Salvatore Iodice, l’artista che, nel suo laboratorio, Riciclarte, recupera oggetti abbandonati in strada e gli dà nuova vita, trasformandoli, per esempio, in panchine o porta rifiuti, sostituendosi alle Istituzioni che non installano oggetti di arredo urbano in zone come i Quartieri spagnoli“.

LEGGI ANCHE
Baby gang contro i contenitori artistici. "Nei Quartieri Spagnoli lo Stato non c'è"

Cestino per sigarette

“In un solo anno, grazie alla collaborazione di decine di ragazzi dei Quartieri spagnoli, è stato possibile donare alla città cestini, panchine, portafiori, il restauro dello storico murales di Maradona, la pulizia di aree diventate discariche, ridare dignità alle scale di San Pasquale, dar vita alla sfilata di Carnevale e al presepe vivente e tante altre iniziative” hanno concluso Borrelli e Simioli per i quali “è importante sostenere chi vuole impegnarsi per migliorare la qualità della vita in città, soprattutto nei quartieri considerati più difficili, ma che offrono enormi potenzialità di crescita”.

Potrebbe anche interessarti