Loading...

De Santis, striscioni di incoraggiamento dagli ultras romanisti: “Daniele non mollare”

striscione 2
Foto di Gazzettagiallorossa.it

“Daniele figlio di Roma, nessuno ti abbandona” e “I romanisti non ti abbandonano, Daniele non mollare”. Due striscioni enormi che campeggiano penzoloni su di un ponte a vista Colosseo. Protagonista degli “incoraggiamenti”, è Daniele De Santis,  accusato dell’omicidio di Ciro Esposito, per cui è stato chiesta, pochi giorni fa, la pena dell’ergastolo.

Gli ultras della Roma, autori del gesto, hanno così rinnovato la loro vicinanza al tifoso giallorosso che ora rischia il carcere a vita, nonostante l’estremo e recente tentativo di difesa (L’arma non era mia. Sì, fui io a esplodere i colpi di pistola ma quell’arma non l’avevo portata io, l’aveva un tifoso del Napoli, non uno che apparteneva al gruppo di cui faceva parte Esposito. Ricordo di essere uscito per chiudere il cancello del Ciak Club ma non ci riuscivo. C’era confusione e fui aggredito da un gruppo di napoletani, rimasi ferito a una gamba. Ci fu una colluttazione, provai a difendermi. Fui colpito alla testa con il calcio di una pistola che riuscii a strappare dalle mani di chi la possedeva”).

L’iniziativa degli esponenti della Curva Sud romanista è finita nell’occhio del ciclone, considerata come l’ennesima mancanza di rispetto nei confronti di Ciro e della sua famiglia. “Gli ultras della Roma avrebbero preso posizione e l’avrebbero fatto nel modo peggiore, esprimendo la loro solidarietà e la loro vicinanza a Daniele De Santis, l’assassino di Ciro Esposito, per il quale il pm ha chiesto l’ergastolo. Dopo le offese alla mamma di Ciro prima dell’inizio della partita tra Napoli e Roma nel corso dello scorso campionato, questa volta gli ultras non hanno portato striscioni nello stadio, forse perché temevano di essere puniti, e, come i peggiori delinquenti, hanno agito di notte per testimoniare la loro vicinanza a un assassino”, hanno dichiarato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli de La radiazza. 

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più