Napoli apre il suo primo “micro nido”, ecco dove e quando

Asilo NidoUna bella novità per le famiglie napoletane e per i loro piccoli, domani, martedì 17 Maggio alle ore 11 sarà inaugurato il micro nido “Pergolella”, in vico Pergolella nei pressi di Piazza Carità nel pieno centro di Napoli.

E’ il primo dei cinque micro nidi, (nidi riqualificati) su progettazione dei Servizi della II Municipalità realizzato con i fondi del Piano di Azione e Coesione (PAC), con un investimento di circa 450.000 euro per la riqualificazione delle strutture e di circa 950.000 euro per la gestione dei nidi. I lavori delle prossime altre quattro strutture comunali sono in fase di ultimazione, ed è in pubblicazione il bando di gara per l’affidamento della loro gestione. Con i cinque nuovi micro nidi è previsto un incremento di 110 nuovi posti a disposizione dei bambini e delle famiglie dei popolosi quartieri della zona.

Ma cosa sono i micro nidi?

Uno spazio alternativo all’asilo nido con un numero inferiore di bambini e con un più alto grado di flessibilità, questo è ciò che differenzia il micro nido dall’asilo nido normale. Il micro nido è una realtà sempre più richiesta da parte dei genitori che lavorano.

Il micro nido nasce con l’obiettivo di far crescere i bambini in maniera, più serena possibile in un ambiente “ad hoc”. Il bimbo, curioso di natura, inizierà ad esplorare, a giocare e poi allo stare insieme agli altri bambini. Il micro nido si può definire, come un’anteprima della scuola materna, una prima conoscenza col mondo esterno. Ogni struttura di micro nido si avvale di personale qualificato e il loro programma permette di seguire l’andamento di ogni bambino. Oltre ad un ambiente creato su misura per i bambini (arredamento, giochi , materiale vario), il personale del micro nido proporrà degli spazi di “routine”, come per esempio il cambio del pannolino dove si creerà un rapporto speciale con il bambino, la pappa e la nanna pomeridiana.

Per quanto riguarda la pappa, solitamente al micro nido (come comunque nel resto delle scuole), si farà uno spuntino a metà mattina, la pappa del mezzogiorno e la merenda. Il menù proposto è quello studiato apposta dalla dietologa delle ASL locali, al fine di garantire dei pasti completi adatti ai bambini fino ai 36 mesi di età. E’ chiaro che opportune modifiche verranno apportate nel caso di bimbi che presentino intolleranze alimentari. Eventuali allergie, dovranno essere certificate dal pediatra. Grande spazio anche alle attività di gruppo, come il cantare insieme, il raccontare una favola o colorare un cartellone. Tutte queste attività permetteranno al bimbo di crescere con gli altri bambini. Tutti punti favorevoli quindi per iscrivere un bambino al micro nido, che imparerà a socializzare con gli altri ma al momento opportuno anche di “fare da solo” una qualsiasi cosa.

Potrebbe anche interessarti

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più