Napoli. Tassisti a scuola di cultura napoletana: “I turisti devono entrare nell’anima della città”

Il 26 Maggio partirà il progetto taxi tour di Torre Annunziata

Si tratta di “AAA Accogliere ad Arte”, ed è un progetto di promozione culturale nato da un’idea di Progetto Museo e promosso da Catacombe di San Gennaro, Complesso di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, Museo Filangieri, Farmacia e Museo storico negli Incurabili e Pio Monte della Misericordia. Il progetto ha lanciato un’iniziativa particolarmente innovativa, e particolarmente “utile” che vedrà protagonisti tutti i tassisti di Napoli.

In collaborazione con Consortaxi e Taxi Napoli, infatti, l’idea è quella di promuovere un sistema di accoglienza diffuso dei visitatori e di tutti turisti in città. Si tratta, in sintesi, di fare in modo che i tassisti risultino “preparati” relativamente alla conoscenza dei luoghi e della storia culturale del capoluogo partenopeo: è importante, infatti, che i turisti vengano accolti bene, e che possano ricevere tutte le risposte ai dubbi che potrebbero presentarsi loro nell’approcciarsi alla nostra città. Pertanto si è pensato ad un ciclo di incontri di formazione a cui tutti i guidatori di taxi potranno prendere parte, per facilitare l’approccio dei visitatori al patrimonio di Napoli, artistico ed umano. 1000 è il numero massimo di tassisti che potrà prendere parte al progetto, e 200 è il numero di coloro i quali già vi hanno aderito; numero che, secondo ogni tipo di previsione, è destinato a crescere nel giro di breve tempo.

“Prossimo passo è costruire analoghe collaborazione con categorie che, ugualmente, svolgono un ruolo importante nella prima accoglienza al visitatore e al turista, quali, ad esempio, gestioni di bar e ristoranti e vigili urbani.” Questa la dichiarazione di coloro i quali si stanno occupando di curare l’evento, e riportata da www.corrieredelmezzogiorno.it. “Con AAA Accogliere ad Arte, abbiamo voluto unire i luoghi della città accomunati dall’essere beni culturali, ma anche e soprattutto luoghi che hanno avuto e hanno ancora oggi una funzione sociale. Un percorso condiviso fatto prima di tutto di persone convinte che accogliere i visitatori significa permettere loro di entrare nel cuore e nell’anima della città.” Queste, invece, le parole di Francesca Amirante, coordinatrice del progetto.

L’iniziativa è legata, peraltro a “Dentro i luoghi dell’anima” , un percorso artistico che sabato 28 maggio, dalle 18.00 alle 23.00, grazie al contributo di Reale Mutua, il patrocinio del Comune di Napoli e il patrocinio morale di Unione Industriali Napoli, si ripropone di organizzare una serie di visite guidate, con musica e letture.

Sito UNINA

Potrebbe anche interessarti


Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di “terze parti” per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookies. Scopri di più